TAZENDA – 1988

Copertina_Sistoria_Tazenda
 

Sos ojos de sa jana (L.Marielli)

(Sardo)

Bentu in sa cara mia
Sa vacantzia est colende
E unu sero sa majia:
Duos delfinos gioghende
In cue si perdet s’ammentu meu
Frale che sos ojos tuos
Sos ojos de una jana

Su frammentu de un’istiu
Deo pitzinnu in sa nae
Est sentidu ancora biu
Iscurtende su mare
Affunda’ in cue s’ammentu meu
Prufundu che sos ojos tuos
Sos ojos de una jana

Sa tirantella est trazende
Su nuscu ‘e su sale
Nois frimmos asie…
…in sa notte
Sos ojos de una jana

Abbaidende duos delfinos
Chi sun fiamorende liados asie…
…in sa notte
Sa dansa de sa jana

 

(Italiano)

Vento sul mio viso
La vacanza sta finendo
E una sera la magia:
Due delfini che giocano
Lì si perde il mio ricordo
Fragile come i tuoi occhi
Gli occhi di una fata

Il frammento di un’estate
Io ragazzo sulla nave
E’ un ricordo ancora vivo
Ascoltando il mare
Lì affonda il mio ricordo
Profondo come i tuoi occhi
Gli occhi di una fata

La leggera brezza trascina
L’odore del sale
Noi fermi così…
…nella notte
Gli occhi di una fata

Guardando due delfini
Che fanno l’amore legati così…
…nella notte
La danza della fata

 
Testi

1. Sos ojos de sa jana
TAZENDA - 1988  

A sa zente (G.Virdis - L.Marielli)

(Sardo)

Est s’ora ‘e s’avreschida
Su beranu incantadu at sa die
Ei sa zente si movede
Che abba frisca dae montes de nie
In su riu falat riende
Ei su Re ballat sa dansa
Canta a cuncordu!
Canta s’andira andirò!

In su mentres s’est bestidu
Su manzanu chin bentu e traschia
Ma su nie ladu est frocchende
Ei su Re tancat sa janna
Canta a cuncordu!
Canta s’andira andirò!

Pro sa zente mia su disizzu aìa
De manzanu lughente
Custu isettu meu, si lu cheret Deus
Siat ladinu a sa zente!

Cando avreschet cominzada
Sa fadiga, siat sole o siat nie
Ca sa zente non lassada
S’isperantzia, gherrende onzi die
In sa vida, colet riende
Non prus Re, muru ne janna
Canta a cuncordu!
Canta s’andira andirò!

Pro sa zente mia su disizzu aìa
De manzanu lughente
Custu isettu meu, si lu cheret Deus
Siat ladinu a sa zente!
A sa zente mia luminosa e bia
Su manzanu est naschende

 

(Italiano)

E’ l’ora del risveglio
La primavera ha incantato il giorno
E la gente si muove
Come acqua fresca che da monti di neve
Scende nel fiume ridendo
E il Re balla la danza
Cantiamo in coro!
Cantiamo l’andira andirò!

Nel frattempo si è vestito
Il mattino con vento e tempesta
Ma la neve scende a larghi fiocchi
E il Re chiude la porta
Cantiamo in coro!
Cantiamo l’andira andirò!

Per la mia gente desidero
Un mattino luminoso
Questa mia speranza, se Dio vuole
Sia chiara alla gente!

Quando albeggia inizia
La fatica, sia sole o sia neve
Perché la gente non lascia
La speranza, lottando ogni giorno
Nella vita, affinché passi gioendo
Né più Re, o muri, o porte
Cantiamo in coro!
Cantiamo l’andira andirò!

Per la mia gente desidero
Un mattino luminoso
Questa mia speranza, se Dio vuole
Sia chiara alla gente!
Alla mia gente luminosa e viva
Il mattino sta nascendo

 
Testi

2. A sa zente
TAZENDA - 1988  

A Deus piachende (P.Marras - L.Marielli)

(Sardo)

A babbu unu mandzanu ‘e binu
Gai chi l’indurchede sa die
A mama un’atteru destinu
Chi non l’ischidede asie

Nobas bi nd’at occannu dae bidda mea?
Nobas bi nd’at occannu dae bidda mea?

A tie unu cantu ‘e custu coro
Si mi nde bocasa s’anneu

Nobas bi nd’at occannu dae bidda mea?
Nobas bi nd’at occannu dae bidda mea?

A Deus piachende
A Deus piachende (et a mie)
Tue m’intendes
Appo a torrare una die
In pache
Una die, in pache

Chie b’at a palas de su mundu?
E chie nos ghiada sa vida?
Semus zirende a ballu tundu
Mancari sa festa siada finida

Nobas bi nd’at occannu dae bidda mea?
Nobas bi nd’at occannu dae bidda mea?

A Deus piachende
A Deus piachende (et a mie)
Tue m’intendes
Appo a torrare una die

 

(Italiano)

A mio padre un mattino di vino
Che gli addolcisca la giornata
A mia madre un altro destino
Che non la svegli così

Ci sono novità quest’anno dal mio paese?
Ci sono novità quest’anno dal mio paese?

A te un pezzo di questo cuore
Se mi liberi dall’angoscia

Ci sono novità quest’anno dal mio paese?
Ci sono novità quest’anno dal mio paese?

A Dio piacendo
A Dio piacendo (ed a me)
Tu mi senti
Un giorno tornerò
In pace
Un giorno, in pace

Chi c’è alle spalle del mondo?
E chi ci guida la vita?
Stiamo a ballare il ballo tondo
Nonostante la festa sia finita

Ci sono novità quest’anno dal mio paese?
Ci sono novità quest’anno dal mio paese?

A Dio piacendo
A Dio piacendo (ed a me)
Tu mi senti
Un giorno tornerò

 
Testi

3. A Deus piachende
TAZENDA - 1988  

S'urtima luche (P.Marras - L.Marielli)

(Sardo)

E’ setzida a Deus preghende
Su chelu e’ marmaru abbaidende
Jaja fortzisi l’at cumpresu:
S’urtimu viadzu no est attesu
Chi facher tzertu lu deppiat
Dae meda ja l’ischiat

Sa mariposa chene prus alas
Si lassat tottu sa vida a palas
Paris cun issa, casi pranghende
Tottu unu mundu si nd’est andende
E sutta ‘e custu chelu ‘e nie
B’at zente chi non riet
B’at zente chi non riet

S’urtima luche de sa die
S’est istudende
S’urtima luche de sa die
Nos e’ lassende
E sutta ‘e custu chelu ‘e nie
B’at zente chi non riet

Sos betzos nostros ant a cumone
Sa soledade ‘e unu sirbone
Sa cara franca de unu mandzanu
S’anima durche e su beranu
In coro unu disizu ebbìa:
Torrare a pitzinnìa
Torrare a pitzinnìa

S’urtima luche de sa die
S’est istudende
S’urtima luche de sa die
Nos e’ lassende
E sutta ‘e custu chelu ‘e nie
B’at zente chi non riet
B’at zente chi non riet

 

(Italiano)

Se ne sta seduta pregando Dio
Guardando il cielo di marmo
Nonna forse l’ha capito:
L’ultimo viaggio non è lontano
Di doverlo fare per certo
Lo sapeva da molto

La farfalla senza più ali
Si lascia tutta la vita alle spalle
Insieme a lei, quasi piangendo
E’ tutto un mondo che se ne va
E sotto questo cielo di neve
C’è gente che non ride
C’è gente che non ride

L’ultima luce del giorno
Si sta spegnendo
L’ultima luce del giorno
Ci sta lasciando
E sotto questo cielo di neve
C’è gente che non ride

I nostri vecchi hanno in comune
La solitudine di un cinghiale
La faccia sincera di un mattino
L’anima dolce della primavera
Nel cuore un solo desiderio:
Tornare ad essere bambini
Tornare ad essere bambini

L’ultima luce del giorno
Si sta spegnendo
L’ultima luce del giorno
Ci sta lasciando
E sotto questo cielo di neve
C’è gente che non ride
C’è gente che non ride

 
Testi

4. S'urtima luche
TAZENDA - 1988  

Carrasecare (P.Marras - L.Marielli)

(Sardo)

Deus, ses in s’aera?
Deus fattu a bisera
Cras a mandzanu bo’ lasso sa vida e micch’ando
Cras a mandzanu su mundu affanculu che mando

Deus, bessi dae domo
Fachemi morrere como
Chi morza biende
Sos anzoneddos brinchende

Balla chi commo benit carrasecare
A nos iscutulare sa vida
Tando tue podes fintzas irmenticare
Tottu s’affannu mannu ‘e sa chida
E su coro no, no s’ispantada
E sa morte no, no chi no b’intrada
E sa notte fraga’ ‘e bentu de beranu
Ses cuntentu?

Deus, a mala ‘odza
Soe solu che foza
Chito su entu a mandzanu at a benner cantende
Amus a facher muttetos in paris riende
Deus bessi dae domo
Fachemi morrere como
Chi morza biende
Sos anzoneddos brinchende

 

(Italiano)

Dio, sei nell’aria?
Dio reso ridicolo
Domani mattina vi lascio la vita e me ne vado
Domani mattina mando il mondo affanculo

Dio, esci di casa
Fammi morire adesso
Che muoia guardando
Gli agnellini saltare

Balla che adesso viene il carnevale
A scuoterci la vita
Allora potrai anche dimenticare
Le grandi preoccupazioni della settimana
E il cuore no, non si stupisce
E la morte no, non c’entra
E la notte sarà invasa dal vento della primavera
Sei contento?

Dio, per forza
Sono solo come una foglia
Di mattina presto verrà il vento cantando
Canteremo insieme ridendo
Dio esci di casa
Fammi morire adesso
Che muoia vedendo
Gli agnellini saltare

 
Testi

5. Carrasecare
TAZENDA - 1988  

...a passu lentu (P.Marras - L.Marielli)

(Sardo)

Si nde birgonzet su mundu
Ch’est arribadu a su fundu
Si nde birgonzet su sole
De custa die chi nos dolet
Azzudet su perdonu chie si pone’ in logu ‘e Deus
Azzudet su perdonu chie si pone’ in logu ‘e Deus

Su cundannadu a sa muda
L’ischit chi nemmos l’azzudat
Che li an furadu sa sorte
Juttu che l’ant a sa morte
In fora meda zente est istentende a sicch’andare
In fora meda zente est istentende a sicch’andare

Caminende a passu lentu e abboghinende goi:
“Sos mortores, o zuiches, sezis bois!”

Si nde birgonzet sa luna
Bessada niedda che pruna
Ei niedda jugat sa corte
Chei sa giustissia sa morte
Azzudet su perdonu chie si pone’ in logu ‘e Deus
Azzudet su perdonu chie si pone’ in logu ‘e Deus

Caminende a passu lentu e abboghinende goi:
“Sos mortores, o zuiches, sezis bois!”

Su tres ‘e maju a s’impuddile l’ana mortu che vitellu
Su tres ‘e maju a s’impuddile un’ispera a su masellu
Su tres ‘e maju a s’impuddile fit frocchende a frocca lada
Su tres ‘e maju a s’impuddile sa giustissia est acabbada

 

(Italiano)

Si vergogni il mondo
Ha toccato il fondo
Si vergogni il sole
Di questo giorno che ci fa male
Il perdono aiuti chi si mette al posto di Dio
Il perdono aiuti chi si mette al posto di Dio

Il condannato in silenzio
Sa che nessuno lo aiuta
Gli hanno rubato il destino
Lo hanno portato alla morte
Fuori molta gente indugia ad andarsene
Fuori molta gente indugia ad andarsene

Camminando a passo lento e gridando così:
“Gli assassini, o giudici, siete voi!”

Si vergogni la luna
Venga fuori nera come una prugna
E l’alone la vesta di nero
Come la giustizia si veste di morte
Il perdono aiuti chi si mette al posto di Dio
Il perdono aiuti chi si mette al posto di Dio

Camminando a passo lento e gridando così:
“Gli assassini, o giudici, siete voi!”

Il tre di maggio all’alba lo uccidevano come un vitello
Il tre di maggio all’alba una speranza al macello
Il tre di maggio all’alba nevicava a grandi fiocchi
Il tre di maggio all’alba la giustizia finiva

 
Testi

6. ...a passu lentu
TAZENDA - 1988  

Chelu nieddu (L.Marielli)

(Sardo)

Cando s’abbila niedda
Lestra si nd’est bolende
Sa paura est artziada
Sa cannuja assustende
In sa domo ‘e s’astore
S’aera como est caente
Juchet unu tremore:
“Su beranu est colende!”

De custu chelu nieddu e malu
Misteriosu, minatzosu
Sa crae la juchet Deus?
Abberimus custas fiammas e addorojamus:
“Chi sa justitzia calet che una lama de attarzu
Senza fagher male
Ma iscrarende custu chelu nieddu!”

Battoro mamas in luttu
Non intenden su caldu
De un’istiu istratzadu
Dae s’imbestu ‘e su fogu
Como est rosinende
Paren prenghent sos pinos
E s’attunzu est pensende
Ube ponner castanzas

De custu chelu nieddu e malu
Misteriosu, minatzosu
Sa crae la juchet Deus?
Abberimus custas fiammas e addorojamus:
“Chi sa justitzia calet che una lama de attarzu
Senza fagher male
Ma iscrarende custu chelu nieddu!”

Senza fagher male
Ma iscrarende custu chelu nieddu!

 

(Italiano)

Quando l’aquila nera
Vola via veloce
La paura sale
Spaventando la rocca
Nella casa del falco
L’aria ora è calda
E lui ha un fremito di paura:
“La primavera sta finendo!”

Di questo cielo nero e cattivo
Misterioso, minaccioso
La chiave la custodisce Dio?
Squarciamo queste fiamme e urliamo:
“Che la giustizia scenda come una lama d’acciaio
Senza far male
Ma rischiarando questo cielo nero!”

Quattro mamme in lutto
Non sentono il caldo
Di un’estate lacerata
Dall’assalto del fuoco
Ora sta piovigginando
I pini sembrano piangere
E l’autunno sta pensando
Dove mettere le castagne

Di questo cielo nero e cattivo
Misterioso, minaccioso
La chiave la custodisce Dio?
Squarciamo queste fiamme e urliamo:
“Che la giustizia scenda come una lama d’acciaio
Senza far male
Ma rischiarando questo cielo nero!”

Senza far male
Ma rischiarando questo cielo nero!

 
Testi

7. Chelu nieddu
TAZENDA - 1988  

Sentimentu (L.Marielli)

(Sardo)

Sa battorina de s’allegria
Fachet sas rimas brinchende
Totu sa die deo la cantarìa
Che a ticcu ticcu biende
Abbaticare su voette ‘e sa tristura
Addorojare pro custa gioja madùra
Sa ballarina de s’anima
Sas iscarpas si nd’est bochende
E pro arrodare sa zente in bia
Chin balentìa est ballende
Abbaticare su voette ‘e sa tristura
Addorojare pro custa gioja madùra
Ischintiddas in sos ocros tuos
Tue ses luchende s’iberru meu
Che una bidda in custu desertu
Sa cara durche de sa fiza mea
Su sentimentu fuidi dae coro che bentu
Su sentimentu iscoppiat in su sambene lentu
Si juches unu solu sentimentu
Che culilùche disperdia
In d’una notte de nibe e bentu
Lassa chi non istet muda
Abbaticare su voette ‘e sa tristura
Addorojare pro custa gioja madùra
Ischintiddas in sos ocros tuos
Tue ses luchende s’iberru meu
Che una bidda in custu desertu
Sa cara durche de sa fiza mea
Su sentimentu fuidi dae coro che bentu
Su sentimentu iscoppiat in su sambene lentu

 

(Italiano)

La quartina dell’allegria

Fa le rime saltando
Io la canterei tutto il giorno
Come bevendo un sorso per volta
Calpestare la frusta della tristezza
Urlare per questa grande gioia
La ballerina dell’anima
Si sta togliendo le scarpe
E per provocare i passanti nella strada
Sta danzando in segno di sfida
Calpestare la frusta della tristezza
Urlare per questa grande gioia
Scintille nei tuoi occhi
Stai illuminando il mio inverno
Come un villaggio in questo deserto
Ecco il dolce viso di mia figlia
Il sentimento fugge dal cuore come vento
Il sentimento scoppia lento nel sangue
Se hai un solo sentimento
Come una lucciola dispersa
In una notte di neve e vento
Lascia che non stia in silenzio
Calpestare la frusta della tristezza
Urlare per questa grande gioia
Scintille nei tuoi occhi
Stai illuminando il mio inverno
Come un villaggio in questo deserto
Ecco il dolce viso di mia figlia
Il sentimento fugge dal cuore come vento
Il sentimento scoppia lento nel sangue

 
Testi

8. Sentimentu
TAZENDA - 1988  

No potho reposare (tradizionale)

(Sardo)

Non potho riposare amore ‘e coro
Pensende a tie so d’onzi momentu
No istes in tristura prenda ‘e oro
Ne in dispiaghere o pensamentu

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

Si m’esser possibile d’anghelu
S’ispiritu invisibile piccabo

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

Sas formas
E furabo dae chelu su sole e sos isteddos
E formabo unu mundu bellissimu pro tene
Pro poder dispensare cada bene
Unu mundu bellissimu pro tene
Pro poder dispensare cada bene

Non potho reposare amore ‘e coro
Pensende a tie so d’onzi momentu
T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

 

(Italiano)

Non riesco a riposare amore del cuore
Sto pensando a te ogni momento
Non essere triste gioiello d’oro
Ne addolorata o preoccupata

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Se mi fosse possibile prenderei
Lo spirito invisibile dell’angelo

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Le forme
E ruberei dal cielo il sole e le stelle
E creerei un mondo bellissimo per te
Per poterti regalare ogni bene
Un mondo bellissimo per te
Per poterti regalare ogni bene

Non riesco a riposare amore del cuore
Sto pensando a te ogni momento
Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

 
Testi

9. No potho reposare
TAZENDA - 1988  

P.I. 02287380907
 

 
 
previous next
X