Sardinia – 1998

Copertina_Sistoria_Tazenda
 

Sardinia (L.Marielli)

(Sardo)

Sardinia mea, regina, mere de su mare
Ti pico a ballare ca cherzo faeddare
Sardinia ‘e cantos, Sardinia ‘e ispantos
Ti cherzo buliare, ti cherzo frimmare

Cherzo connoscher sa rejone
De sa nostra maledissione

Ello, ello sorre mala, ello sorte mala
Juches in sa cara, in su risu, in sas venas
Sardinia femina mala, su cunnu a su sole
Tue pones. Ispantu! Itte cheres fachere?

Si b’at resposta est in su ‘entu
E si b’at bentu fuidi ‘ia

Ma si naschet unu frore solu
Ue si siat est beranu

Sardinia, terra de falsos poetas
E de mortores beros
Ti lasso augurios sintzeros
Sardinia bella, istella ‘e su chelu:
Ti brujes su culu
E a s’inferru tue fales in bolu

Sos perdidores ’scrient s’istoria
Sos binchidore’ appent sa gloria

Ma si naschet unu frore solu
Ue si siat est beranu

Sardinia mea, regina, mere de su mare
Ti pico a ballare ca cherzo faeddare

 

(Italiano)

Sardegna mia, regina, padrona del mare
Ti prendo a ballare perché voglio parlare
Sardegna di canti, Sardegna di meraviglie
Ti voglio sconvolgere, ti voglio fermare

Voglio conoscere la ragione
Della nostra maledizione

Sorella cattiva, cattiva sorte
Porti nel viso, nel sorriso, nelle vene
Sardegna, donnaccia, la figa al sole
Tu metti. Meraviglia! Cosa vuoi fare?

Se c’è risposta è nel vento
E se c’è vento fugge via

Ma se nasce un solo fiore
E’ primavera ovunque

Sardegna, terra di falsi poeti
E di veri assassini
Ti lascio auguri sinceri
Sardegna bella, stella del cielo:
Ti possa bruciare il culo
E possa tu precipitare in volo all’inferno

I perdenti scrivono la storia
I vincitori abbiano la gloria

Ma se nasce un solo fiore
E’ primavera ovunque

Sardegna mia, regina, padrona del mare
Ti prendo a ballare ché voglio parlare

 
Testi

1. Sardinia
Tazenda  

S'istrumpa

Chintu a chintu contr’a tie,
chintu a chintu contr’a mie,
falamus a terra,
sa vida est un’istrumpa.

Chintu a chintu contr’a tie,
chintu a chintu contr’a mie,
falamus a terra,
sa vida est un’istrumpa.

E non torrat e no andat,
custa cosa no essit e no intrat
e non furat e non donat,
custa cosa no est mala e no est bona.
E no artzia e non falat,
custa cosa non naschet e non morit mai.

Chintu a chintu contr’a mie,
chintu a chintu contr’a tie,
falamus a terra,
sa vida est un’istrumpa.

E non tirat e non lassat,
custa cosa non cheret passare
e non picat e non ponet
e non si cheret nemmancu istudare.
Non cheret cumintzare
cust’istrumpa non cheret cumprire.

Oinnonnoroi s’istrada…

Chintu a chintu contr’ a tie,
chintu a chintu umpare a tie,
falamus a terra,
sa vida est un’istrumpa.

Chintu a chintu contr’a mie,
chintu a chintu umpare a mie,
falamus a terra,
sa vida est un’istrumpa.

E non pompat e no ispronat,
cust’istoria non cheret colare
e non curret e non bolat,
custa vida non cheret sonniare.
Non cheret cumintzare,
cust’istrumpa non cheret cumprire mai.

Sa vida est un’istrumpa!

Oinnonnoroi s’istrada…

 
Testi

2. S'istrumpa
Tazenda  

 

3. Pane caente
Tazenda  

Su dillu est goi (L.Marielli – L.Marielli/Camedda)

(Sardo)

Ballu ‘e amistade e de sa terra
Coro ‘e sonette e de chiterra
Ballu ‘e amore chi non finit mai
Coro ‘e sa zente, su dillu est gai

Pilos in su ‘entu, pes in sa rena
Brincu de s’anima e de sa carena
Limba ‘e Sardinia, frore ‘e s’istrada
Ocros de murva: – Bella zirada!

Aera frisca de tramuntana
De ‘inu ruju e marijuana
Bona che a tie no, no bi nd’ada
Pica s’alenu pro sa torrada

Chentu berrittas, chentu birrettas
Prena est sa ‘ia ‘e durches piseddas
Balla su dillu chi non finit mai
Lealu in presse su dillu est gai

E lea una pisedda chi ti cheret a ballare
Una pisedda chi cheret…
E lea una pisedda chi ti cheret sonniare
Una pisedda chi cheret…

Oh, oh, oh, oh
Dilliri-dilliri-ana
Oh, oh, oh, oh
Dilliri-dilliri su dillu est goi
Su dillu est goi

Ballu ‘e amistade e de sa terra
Coro ‘e sonette e de chiterra
Ballu ‘e amore chi non finit mai
Coro ‘e sa zente, su dillu est gai

Pilos in su ‘entu, pes in sa rena
Brincu de s’anima e de sa carena
Limba ‘e Sardinia, frore ‘e s’istrada
Ocros de murva: – Bella zirada!

Aera frisca de tramuntana
De ‘inu ruju e marijuana
Bona che a tie no, no bi nd’ada
Lealu in presse! No b’at torrada

E lea una pisedda…

 

(Italiano)

Ballo d’amicizia e della terra
Cuore di fisarmonica e di chitarra
Ballo d’amore che non finisce mai
Cuore della gente, il “dillu” è così

Capelli al vento, piedi sul terriccio
Salto dell’anima e del corpo
Lingua di Sardegna, fiore di strada
Occhi di mufloncina: – Bella modulazione!

Aria fresca di tramontana
Di vino rosso e marijuana
Buona come te, no, non ce n’è
Prendi il respiro per la modulazione discendente

Cento berretti, cento birrette
Piena è la via di dolci ragazze
Balla il “dillu” che non finisce mai
Prendilo in fretta il “dillu” è così

E prendi una ragazza che vuole ballare con te
Una ragazza che vuole…
E prendi una ragazza che ti vuole sognare
Una ragazza che vuole…

Oh, oh, oh, oh
Dilliri-dilliri-ana
Oh, oh, oh, oh
Dilliri-dilliri il “dillu” è così
Il “dillu” è così

Ballo d’amicizia e della terra
Cuore di fisarmonica e di chitarra
Ballo d’amore che non finisce mai
Cuore della gente, il “dillu” è così

Capelli al vento, piedi sul terriccio
Salto dell’anima e del corpo
Lingua di Sardegna, fiore di strada
Occhi di mufloncina: – Bella modulazione!

Aria fresca di tramontana
Di vino rosso e marijuana
Buona come te, no, non ce n’è
Prendilo in fretta! Non c’è modulazione discendente

E prendi una ragazza…

 
Testi

4. Su dillu est goi
Tazenda  

Abba de istiu (L.Marielli)

Abba de istiu

Su nuscu ‘e sa terra mia
Durche che fraula ‘olaiat
Isperdidu in s’aera
Isperdidu in sa notte et in su tempus
E intr’ a mie…perdidu intr’ a tie

Su tastu ‘e sa pitzinnìa
Filuferru falaiat
Caente in sa ‘ula mia
Caente in su coro et in su sambene
E intr’ a mie…caente che a tie

Infundet totu s’alenu meu
Sididu soe de abba de Deus
Falet che riu in sa cara mia
Apo gana de abba de istiu
Oh, ‘eo m’ intendo biu

S’iscortza ‘e s’anima mia
Tosta che rocca pariat
Forte che temporada
Forte che fera e lebia che un’ispera
Andaiat…perdida intr’ a tie

Infundet totu s’alenu meu
Sididu soe de abba de Deus
Falet che riu in sa cara mea
Apo gana de abba de istiu
Oh, ‘eo m’intendo biu

Si sa vida est tot’ innoe
Ei sa morte est tot’ innoe
Cherzo istare umpare a tie
Tue ses abba de Deus
Tue ses abba de istiu

 

(Italiano)

L’odore della mia terra
Dolce come fragola volava
Sperso nell’aria
Sperso nella notte e nel tempo
E dentro me…sperso dentro te

Il sapore dell’adolescenza
Acquavite scendeva
Calda nella mia gola
Calda nel cuore e nel sangue
E dentro me…calda come te

Bagni tutto il mio respiro
Ho sete dell’acqua di Dio
Scenda come un fiume sulla mia faccia
Ho voglia di pioggia d’estate
Oh, io mi sento vivo

La scorza dell’anima mia
Sembrava dura come la roccia
Forte come un temporale
Forte come una fiera e leggera come una speranza
Andava…spersa dentro te

Bagni tutto il mio respiro
Ho sete dell’acqua di Dio
Scenda come un fiume sulla mia faccia
Ho voglia di pioggia d’estate
Oh, io mi sento vivo

Se la vita è tutta qua
E la morte è tutta qua
Voglio stare insieme a te
Tu sei acqua di Dio
Tu sei pioggia d’estate

 
Testi

5. Abba de istiu
Tazenda  

Bainzu (L.Marielli)

(Sardo)

Bainzu meu, Bainzu meu
Ses semper forte in s’ammentu meu
Baizu meu, Baizu meu
Su ch’est iscriende este su coru meu
Durche tziu meu su mundu est semper gai
Comente fidi non torrat mai

Sa zente nostra e puru nois
In custa calada ‘e su sole
Parimus liberos, joinde parimus
Ma sa ‘etza ferida nos dolet

Semus un’ama e semus chena mere, nois
Samus in cheja e semus chena Deus!

Bainzu meu, sos istranzos sunt prontu arribande
Si pijant cosinzos, si curret umpare cantande
Arcanos cantos ‘e isciaos
Che pantumina ‘e recreos
Ma oe est su battoro ‘e martu ‘e su norantases…
Abberu ses?

Bainzu meu, tosta che pedra
Sa zente nostra non sonniada
Bainzu meu, mancu su ‘entu
In custa colonia este su nostru

Lea s’istrada e lea puru s’ispada, oe
Chi sunt torrande ‘alu innoe!

Bainzu meu, amigu meu
Sarvidores in su sambene, semus
Bainzu meu, cumpare meu
Semus bandidos in su coro

Semus un’ama e semus…

 

(Italiano)

Bainzu mio, Bainzu mio
Sei sempre forte nel mio ricordo
Bainzu mio, Bainzu mio
Quello che sta scrivendo è il mio cuore
Dolce zio mio il mondo è sempre così
Com’era una volta non torna più

La gente nostra e pure noi
In quest’ora del tramonto
Sembriamo liberi, sembriamo esultare
Ma la vecchia ferita ci duole

Siamo un gregge e siamo senza padrone, noi
Siamo in chiesa e siamo senza Dio!

Bainzu mio, gli stranieri stanno per arrivare
E noi prendiamo le scarpe, corriamo insieme cantando
Arcani canti di schiavi
Come in una pantomima disperata
Ma oggi é il quattro di marzo del novantasei…
Dici davvero?

Bainzu mio, dura come la pietra
La gente nostra non sogna
Bainzu mio, neanche il vento
In questa colonia è il nostro

Prendi la strada e prendi anche la spada, oggi
Che stanno tornando ancora qui!

Bainzu mio, amico mio
Siamo servitori nel sangue
Bainzu mio, compare mio
Siamo banditi nel cuore

Siamo un gregge e siamo…

 
Testi

6. Bainzu
Tazenda  

Soledade (L.Marielli)

(Sardo)

Soledade est una die chena sole
Chin totu sos ammentos chi mi dolene
E raffiana che fritu de bennarzu
A guardia de custu tempus dannarzu

Soledade est unu mare prenu ‘e undas
Chin totu sos dispiacheres chi b’affundana
Ei sa cara de una femina in su ‘entu
A guardia de unu reu sentimentu

Mi ‘ido chirchende in cust’ora ‘e sa vida
Mi ‘ido fuinde in s’ora ‘e sa morte
Mi ‘ido riende in cust’ora ‘e sa vida
Mi ‘ido a sa muda in s’ora ‘e sa morte

Soledade est unu mundu chena pache
Ei totu custos cantos chena ‘oche
Ma in sa redossa istrada ‘e sa veridade
“Soledade” est ‘oltada “libertade”

Mi ‘ido chirchende in cust’ora ‘e sa vida
Mi ‘ido fuinde in s’ora ‘e sa morte
Mi ‘ido riende in cust’ora ‘e sa vida
Mi ‘ido a sa muda in s’ora ‘e sa morte

 

(Italiano)

Solitudine è un giorno senza sole
Con tutti i ricordi che mi fanno male
E graffiano come il freddo di gennaio
A guardia di questo tempo dannato

Solitudine è un mare agitato
Con tutti i dispiaceri che vi affondano
E il viso di una donna al vento
A guardia di un colpevole sentimento

Mi vedo cercando in quest’ora della vita
Mi vedo fuggendo nell’ora della morte
Mi vedo ridendo in quest’ora della vita
Mi vedo in silenzio nell’ora della morte

Solitudine è un mondo senza pace
E tutti questi canti senza voce
Ma nell’impervia strada della verità
“Solitudine” è tradotta “libertà”

Mi vedo cercando in quest’ora della vita
Mi vedo fuggendo nell’ora della morte
Mi vedo ridendo in quest’ora della vita
Mi vedo in silenzio nell’ora della morte

 
Testi

7. Soledade
Tazenda  

Passu torrau de truddas in conca (L.Marielli – L.Marielli/Camedda)

(Sardo)

Passu torrau de truddas in conca
Pro zente seria, pro zente macca
Manos in chintu umpare a chie non juchet
Nudda de facher, nudda ‘e mandicare
Nudda de narrer, nudda ‘e donare
Pedes in bolu umpare a chie non cheret
Ballare, ballare unu bellu ballu
Ballare, ballare passu torrau

Passu torrau de truddas in conca
Pro zente seria, pro zente macca
Manos in chintu umpare a chie juchet
Troppu de facher, troppu ‘e mandicare
Troppu de narrer, troppu ‘e donare
Pedes in bolu umpare a chie cheret
Ballare, ballare unu bellu ballu
Ballare, ballare passu torrau

Orune e Bitti, Orune e Bitti
Orune e Bitti chin zente orgolesa
Issos nde juchent de pilu in su coro
Issos nde juchent de pilu in su coro

Passu torrau, zirada in artziada
Biende umpare a chie nos l’at bettada
E si unu riet un’ateru ruet
Cand’ unu cantat un’ateru sonat
E si unu bessit un’ateru ghirat
Si unu passat un’ateru torrat
E si unu isparat un’ateru prega
Bos combittamus e che∙la cantamus

Orune e Bitti, Orune e Bitti
Orune e Bitti chin zente orgolesa
Issos nde juchent de pilu in su coro
Issos nde juchent de pilu in su coro

Bitti e Orune, Bitti e Orune
Bitti e Orune chin zente orgolesa
Issos nde juchent de pilu in su coro
Issos nde juchent de pilu in su coro

 

(Italiano)

“Passu torrau” dei mestoli in testa
Per gente seria, per gente matta
Mani nei fianchi insieme a chi non ha
Nulla da fare, nulla da mangiare
Nulla da dire, nulla da regalare
Piedi in volo insieme a chi non vuole
Ballare, ballare un bel ballo
Ballare, ballare “passu torrau”

“Passu torrau” dei mestoli in testa
Per gente seria, per gente matta
Mani nei fianchi insieme a chi ha
Troppo da fare, troppo da mangiare
Troppo da dire, troppo da regalare
Piedi in volo insieme a chi vuole
Ballare, ballare un bel ballo
Ballare, ballare “passu torrau”

Orune e Bitti, Orune e Bitti
Orune e Bitti con gente orgolesa
Loro ne hanno di peli nel cuore
Loro ne hanno di peli nel cuore

“Passu torrau”, modulazione ascendente
Bevendo assieme a chi ce l’ha versata
E se uno ride un altro cade
Quando uno canta un altro suona
E se uno esce un altro rincasa
Se uno passa un altro ritorna
E se uno spara un altro prega
Vi offriamo da bere e ce la cantiamo

Orune e Bitti, Orune e Bitti
Orune e Bitti con gente orgolesa
Loro ne hanno di peli nel cuore
Loro ne hanno di peli nel cuore

Bitti e Orune, Bitti e Orune
Bitti e Orune con gente orgolesa
Loro ne hanno di peli nel cuore
Loro ne hanno di peli nel cuore

 
Testi

8. Passu torrau de truddas in conca
Tazenda  

Ninna nanna fizu 'e Deus

(Sardo)

Est nadu su fiz”e Deus
dae su sinu de Maria,
una ‘oche in coro meu
m’aundat de allegria.

In su chelu et in sa terra
at a falare sa pache,
in su chelu et in sa terra
est Pasca de Nadale.

Est nadu su fiz”e Deus
dae su sinu de Maria,
una luche in coro meu
m’aundat de allegria.

Est nadu su fiz”e Deus
dae su sinu de Maria
una luche in coro meu
m’aundat de allegria.

Est nadu su fiz”e Deus
dae su sinu de Maria
una luche in coro meu
m’aundat de allegria.

Sas zentes sunt arribande
chin panes e chin fiores,
sas zentes sunt arribande
dae su fizu ‘e su Segnore.

Sos anghelos sunt cantande
a Tie nostru Salvadore,
sos anghelos sunt cantande
a su fizu ‘e su Segnore.

Est nadu su fiz”e Deus
dae su sinu de Maria,
una luche in coro meu
m’aundat de allegrìa .

In su chelu et in sa terra
at a falare sa pache,
in su chelu et in sa terra
est Pasca de Nadale.

 
Testi

9. Ninna nanna fizu 'e Deus
Tazenda  

Sonnios de bolos (L.Marielli)

(Sardo)

Bolaìa subra ‘e infinidos
Campos de nudda
Anghelu intr’ ‘e unu ‘entu:
Friscos lentolos ‘e Deus

Che rughe a bratzos ispaltos
Serente terra
Undas ‘e laore
Mare ‘e maìa
Vida-illusione
Dansat Maya

Prodigios de frontieras
Sonnios-no-sonnios
Fantasia-realidade
In sa domo ‘e coro meu

Chena lezes
Chi sa vida mi ghiant
Chena fortzas
Chi a terra mi liant

‘oghe anda, ‘oghe ‘ola
In mesu a custa landa
‘oghe ‘ola, ‘oghe anda
A s’olta ‘e custa fola
Undas ‘e laore
Mare e maìa
Vida-illusione
Dansat Maya
Oh, oh Maya

Bolaìa intro ‘e infinidos
Sonnios de bolos
Bolaìa in su Logu ‘e Oro:
Melinu domine ‘e Deus

In estis fintzas a cando
Intendìa…tzoccos ‘e caddos

Beneittu su laore siada!

 

(Italiano)

Volavo su infiniti
Campi di nulla
Angelo dentro un vento:
Fresche lenzuola di Dio

Come una croce a braccia aperte
Rasente alla terra
Onde di grano
Mare di magia
Vita-illusione
Maya danza

Prodigi di frontiere
Sogni-non-sogni
Fantasia-realtà
Nella casa del mio cuore

Senza leggi
Che mi guidano la vita
Senza forze
Che mi legano alla terra

Vai voce, vola voce
In mezzo a questa landa
Vola voce, vai voce
Alla volta di questa favola
Onde di grano
Mare di magia
Vita-illusione
Maya danza
Oh, oh Maya

Volavo dentro infiniti
Sogni di voli
Volavo nel Logudoro
Color miele dominio di Dio

In estasi fino a quando
Sentivo… lo zoccolare dei cavalli

Benedetto sia il raccolto!

 
Testi

10. Sonnios de bolos
Tazenda  

P.I. 02287380907
 

 
 
previous next
X