MURALES – 1991

Copertina_Sistoria_Tazenda
 

Mamojada (L.Marielli)

(Sardo)

Chin custa frea
Mal cuada
In sa cara mea
So camminende in s’istrada
Ma intr’ a nois
Est annidada
Onzi die, goi
Dae su mandzanu a s’inghelada

Bois, bois et sa disamistade
Nois, nues in sa malaitta die

Arreu – arreu
Sunt gherrende
E su coro meu
Pro calicunu este pranghende

Bois, bois et sa disamistade
Nois, nues in sa malaitta die
Ma tue ses mama
Fiza, galana

Mamojada, pro cant’ annos ‘alu maltrattada?
Mamojada, itte gloria in sa vinditta b’ada?
Si in s’arveschida
Sambene e muttos ‘e luttos
Ticch’ischidana
Mamojada…
Ses tue immaculada?

De chi este
Custa neche
L’ischene
Fintzas sas berbeches
Lassa chi
Alen’ in pache
Lassa chi
Intre’ unu bicculu ‘e luche

Bois, bois et sa disamistade
Nois, nues in sa malaitta die
Tue ses ermosa
Amiga e isposa

Mamojada, pro cant’ annos…

 

(Italiano)

Con questa paura
Mal celata
Nel mio viso
Sto camminando per la strada
Ma dentro di noi
E’ annidata
Ogni giorno, così
Dalla mattina all’imbrunire

Voi, voi e l’inimicizia
Noi, nuvole nel giorno maledetto

Senza tregua
Fanno guerra
E il mio cuore
Per qualcuno sta piangendo

Voi, voi e l’inimicizia
Noi, nuvole nel giorno maledetto
Ma tu sei madre
Figlia, meravigliosa

Mamojada, per quanti anni ancora sarai maltrattata?
Mamojada, che gloria c’è nella vendetta?
Se all’alba
Sangue e canti di lutto
Ti svegliano
Mamojada…
Sei tu immacolata?

Di chi è
Questa colpa
Lo sanno
Anche le pecore
Lascia che
Respiri in pace
Lascia che
Entri un filo di luce

Voi, voi e l’inimicizia
Noi, nuvole nel giorno maledetto
Tu sei bella
Amica e sposa

Mamojada, per quanti anni…

 
Testi

1. Mamojada
Tazenda  

Spunta la luna dal monte (P.Bertoli/L.Marielli - L.Marielli)

(Sardo)

Notte scura, notte senza la sera
Notte impotente, notte guerriera
Per altre vie, con le mani le mie
Cerco le tue, cerco noi due

Spunta la luna dal monte
Spunta la luna dal monte

Tra volti di pietra, tra strade di fango
Cercando la luna, cercando
Danzandoti nella mente, sfiorando tutta la gente
A volte sciogliendosi in pianto

Un canto di sponde sicure, ben presto dimenticato
Voce di poveri resti di un sogno mancato

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende
Bois fizos ‘e niunu
In sos annos irmenticados
Tue nd’has solu chimbantunu
Ma parent chent’annos

Coro meu,  cuore mio
Fuente ‘ia, gradessida,  fonte chiara e pulita
Gai puru deo,  dove anch’io
Potho bier a sa vida,  posso bere alla vita

Dovunque cada l’alba sulla mia strada
Senza catene vi andremo insieme

Spunta la luna dal monte
Beni’ intonende unu dillu
Spunta la luna dal monte

Tra volti di pietra, tra strade di fango
Cercando la luna, cercando
Danzandoti nella mente, sfiorando tutta la gente
A volte sedendoti accanto

Un canto di sponde sicure di bimbi festanti in un prato
Voce che sale più in alto di un sogno mancato

 
Testi

2. Spunta la luna dal monte
Tazenda  

Sa Mama 'e su sole (L.Marielli)

(Sardo)

Pitzinna istes in domo
Fintzas a sas battoro
In fora b’este sa Mama ‘e su sole
A chentottanta grados
Ruju che una cariasa
Ti poden salvare solu sos chercos
Andamus a drommire
Amus a iscurtare
Chigulas chertende in mesu a unu melu
Su coro ‘e Limbara chi alena’ in su chelu
Iscur’ a tie, iscur’ a chie
Non creet in sa Mama ‘e su sole
A mesudie, beranu e istiu
Fora b’est sa Mama ‘e su sole
Pitzinnu istes in domo
E tanca sas ventanas
In fora b’este sa Mama ‘e sa luna
A chentottanta grados
Gialla che unu limone
Ti poden salvare solu “sos ferros”
Andamus a drommire
Amus a sonniare
Un’atteru tempu, un’attera vida
Cand’ onzi pitzinnu, unu pitzinnu fidi
Iscur’ a tie, iscur’ a chie
Non creet in sa Mama ‘e su sole
Iscur’ a tie, iscur’ a chie
Non creet in sa Mama ‘e su sole

 

(Italiano)

Bambina rimani in casa
Fino alle quattro
Fuori c’è la Mamma del sole
A centottanta gradi
Rosso come una ciliegia
Ti possono salvare solo le querce
Andiamo a dormire
Ascolteremo
Cicale litigando in mezzo a un melo
Il cuore del Limbara che respira nel cielo
Povero te, povero chi
Non crede alla Mamma del sole
A mezzogiorno, in primavera ed estate
Fuori c’è la Mamma del sole
Bambino rimani in casa
E chiudi le finestre
Fuori c’è la Mamma della luna
A centottanta gradi
Gialla come un limone
Ti possono salvare solo “le pistole”
Andiamo a dormire
Sogneremo
Un altro tempo, un’altra vita
Quando ogni bambino era un bambino
Povero te, povero chi
Non crede alla Mamma del sole
Povero te, povero chi
Non crede alla Mamma del sole

 
Testi

3. Sa Mama 'e su sole
Tazenda  

Niunu intende (L.Marielli)

(Sardo)

Unu pitzinnu curre’ a ped’ iscalzu
Gai mandicat cocone chena aunzu
Niunu intende, mancu sas bamas
Niunu intende, mancu sas sidas

Si frimma ei tragada chirchende fruas
Su ‘entu raet sas peutas suas
Niunu intende s’oche dechida
Niunu intende sa foghe calida

Chin cussa cara fresada ei ruja, issu goi…
Ojos che pojos ei neos che isteddos, est goi…

Brinchende, cantende, ballende, riende
Su mundu addaenanti che colet
Su criu chi curret, anniju gioghende
Chirchende unu pacu ‘e amore
Niunu intende, niunu intende
Su mundu colet, niunu intende…

Passad’ una pitzinna frantziscana
Issu la ‘ide gai, simple, galana
Issu l’intende, s’oche dechida
Issu l’intende, sa foghe calida
Brinchende naes e cantende forte
Ei pensad’ a unu donu de sa sorte
Issu l’intende, s’oche dechida
Issu l’intende, sa foghe calida

Chin cussas laras fresadas ei rujas, est goi…
Ojos che pojos ei neos che isteddos, est goi…

Brinchende, ballende, cantende, riende
Su mundu addaenanti che colet
Unu criu, una cria, annijos currende
Chirchende unu pacu ‘e amore
Niunu intende, nos do-nos dolet
Su mundu colet, niunu intende…

Brinchende, ballende, cantende, riende
Su mundu addaenanti nos colet
Unu criu, una cria, annijos currende
Chirchende unu pacu ‘e amore
Niunu intende, niunu intende
Su mundu colet, niunu intende…

 

(Italiano)

Un bambino corre a piedi scalzi
Mangiando pane senza niente
Nessuno sente, neanche le greggi
Nessuno sente, neanche le fronde

Si ferma e beve avidamente cercando frutti
Il vento rade le sue impronte
Nessuno sente la bella voce
Nessuno sente il caldo sentimento

Con quel viso screpolato e rosso, lui così…
Occhi come laghi, nei come stelle, lui è così…

Saltando, cantando, ballando, ridendo
Il mondo gli scorre davanti
Il bambino che corre, puledro che gioca
Cercando un po’ di amore
Nessuno sente, nessuno sente
Il mondo passa, nessuno sente…

Passa una bambina dall’aspetto gentile
Lui la vede così, semplice, radiosa
Lui la sente, la bella voce
Lui lo sente, il caldo sentimento
Saltando rami e cantando forte
E pensa ad un dono del destino
Lui la sente, la bella voce
Lui lo sente, il caldo sentimento

Con quelle labbra screpolate e rosse, lei è così…
Occhi come laghi, nei come stelle, lei è così…

Saltando, ballando, cantando, ridendo
Il mondo le scorre davanti
Un bambino, una bambina, puledri che corrono
Cercando un po’ di amore
Nessuno sente e ci fa male
Il mondo passa, nessuno sente…

Saltando, ballando, cantando, ridendo
Il mondo ci scorre davanti
Un bambino, una bambina, puledri che corrono
Cercando un po’ di amore
Nessuno sente, nessuno sente
Il mondo passa, nessuno sente…

 
Testi

4. Niunu intende
Tazenda  

Desvelos (L.Marielli)

(Sardo)

Sa carena mea
In sa “grotta ‘e su ‘entu”
S’anima mea sighende
Arcanos desvelos

E chi lo sa se tu
Corvo nel cielo
Lo trovi un Lieve Segno di Dio…

 

(Italiano)

Il mio corpo
Nella “grotta del vento”
L’anima mia seguendo
Arcani segreti

E chi lo sa se tu
Corvo nel cielo
Lo trovi un Lieve Segno di Dio…

 
Testi

5. Desvelos
Tazenda  

In sas nues tuas (L.Marielli)

(Sardo)

In sas nues tuas
Tue ses bolende
In sas nues tuas
Ti ses ninnende
Proite no lampas sos ojos intundu?
In sas undas tuas
Tue ses gioghende
In sas undas tuas
Ti ses beende
Proite no abberi sas orijas, commo?
B’at s’abballansa
In custa dansa de oriolos malos
Ma sutt’ a custu chelu
Bi ses puru tue
Aeras chi minettan’ temporadas
E nues et undas malas sunt torradas
Tristesa dae coro no bessidi
Sa tristesa in s’anima creschidi
Che su nibe fachet unu velu
Puru tue sutt’ a custu chelu
Ma nemos t’iscurtada commo e goi…
Torras in sas nues
Sas nues tuas
Niedda cussa nue
Pioede in sas nues
Proite no falas a terra in presse?
B’at s’abballansa
In custa dansa de oriolu malu
Ma sutt’ a custu chelu
Bi ses puru tue
Aeras chi minettan’ temporadas
E nues et undas malas sunt torradas
Tristesa dae coro no bessidi
Sa tristesa in s’anima creschidi
Che su nibe fachet unu velu
Puru tue sutt’ a custu chelu
Ma nemos t’iscurtada commo e goi…

 

(Italiano)

Nelle tue nuvole
Stai volando
Nelle tue nuvole
Ti stai cullando
Perché non ti guardi intorno?
Nelle tue onde
Stai giocando
Nelle tue onde
Ti stai beando
Perché non apri le orecchie, adesso?
C’è la prepotenza
In questa danza di cattivi pensieri
Ma sotto questo cielo
Ci sei pure tu
Arie che minacciano temporali
E nuvole e onde cattive sono tornate
Tristezza dal cuore non esce
La tristezza nell’anima cresce
Come la neve fa un velo
Anche tu sotto questo cielo
Ma nessuno ti ascolta, e così…
Torni nelle nuvole
Le tue nuvole
Nera quella nuvola
Piove nelle nuvole
Perché non scendi in terra in gran fretta?
C’è la prepotenza
In questa danza di cattivo pensiero
Ma sotto questo cielo
Ci sei pure tu
Arie che minacciano temporali
E nuvole e onde cattive sono tornate
Tristezza dal cuore non esce
La tristezza nell’anima cresce
Come la neve fa un velo
Anche tu sotto questo cielo
Ma nessuno ti ascolta, e così…

 
Testi

6. In sas nues tuas
Tazenda  

Un’alenu ‘e sole (L.Marielli)

(Sardo)

Sa vida cheret sa manu
Pro caminare in sas andalas
Deo isettende beranu
Pro rier a arvures e fruas
Ma tue…una nue…
Mi fur’ un’alenu ‘e sole

Deo fingo ei canto rie-rie
Ma un’infinida nostalgia
Est occulta in fund’ a mie
Abbatichende s’allegria
Asie…che nie…
Lizera in su coro dolet

Beni chi ses gradessida
Luche in sa vida
Cherzo intender presentzia
De custa forza
Beni a mie magica dansa
De mare e de sacralidade
Beni a mie chin abbaldansa
Tue bentu de felicidade
Intr’ a mie… a mie…
Sighende un’alenu ‘e sole

Misterios ‘e sos sentimentos
Carignos ei meda amore
Desvelos ‘e sos pentimentos
Sa frea ‘e su venidore
Intr’ a mie… a mie…
Sighende un’alenu ‘e sole

Beni chi ses gradessida
Luche in sa vida
Commo cherimus presentzia
De custa forza
Beni a nois magica dansa
De mare e de sacralidade
Intr’ a nois… a nois…
Sighende un’alenu ‘e sole

Beni chi ses gradessida
Luche in sa vida
Cherzo intender presentzia
De custa forza
Intr’ a mie… a mie…
Sighende un’alenu ‘e sole

 

(Italiano)

La vita vuole la mano
Per camminare nei sentieri
Io aspettando la primavera
Per sorridere ad alberi e radici
Ma tu…una nuvola…
Mi rubi un respiro di sole

Io fingo e canto ridendo
Ma una nostalgia infinita
E’ nascosta in fondo a me
Schiacciando l’allegria
Così…come la neve…
Leggera nel cuore duole

Vieni che sei gradita
Luce nella vita
Voglio sentire la presenza
Di questa forza
Vieni da me magica danza
Di mare e di sacralità
Veni da me con baldanza
Tu vento di felicità
Dentro di me… di me…
Seguendo un respiro di sole

Misteri dei sentimenti
Carezze e molto amore
Segreti dei pentimenti
La paura del futuro
Dentro di me… di me…
Seguendo un respiro di sole

Vieni che sei gradita
Luce nella vita
Ora vogliamo la presenza
Di questa forza
Vieni da noi magica danza
Di mare e di sacralità
Dentro di noi… di noi…
Seguendo un respiro di sole

Vieni che sei gradita
Luce nella vita
Voglio sentire la presenza
Di questa forza
Dentro di me… di me…
Seguendo un respiro di sole

 
Testi

7. Un'alenu 'e sole
Tazenda  

Bon Nadale (L.Marielli)

(Sardo)

Cando s’iscutinan sos boes
Est temporada
Cando su atu fachet goi
Est temporada manna…
Deo facher male no cheria
Eo frale, frale
In custa die ‘e Nadale
No bi sun isteddos chi mi ghian’

Deo intr’ a unu gabbanu solu in custa ‘ia
E meda abba fala’ in coro et in cara mia
E si niunu abberidi sa janna, a chie
Lu naro “Bon Nadale”?

Ne sulviles coudas
O magicas linnas
No, no bi cherede majia
Pro bincher sa malinconia

Deo intr’ a unu gabbanu solu in custa ‘ia
E meda abba fala’ in coro et in cara mia

Abberi cussa janna e bessi umpare a mie
Sas laras nostras in sa notte a sa cua
Abberi cussu coro e fache locu a mie
Gai, naro ‘‘Bon Nadale a tie!’’

Abberi cussa janna e bessi umpare a mie
Sas laras nostras in sa notte a sa cua
Abberi cussu coro e fache locu a mie
Gai, naro ‘‘Bon Nadale a tie!’’

 

(Italiano)

Quando i buoi si scuotono
E’  tempesta
Quando anche il gatto fa così
E’ grande tempesta…
Io non avrei voluto far del male
Io fragile, fragile
In questo giorno di Natale
Non ci sono stelle che mi guidano

Io dentro a un cappotto solo in questa via
E tanta acqua scende nel cuore e sul mio viso
E se nessuno apre la porta, a chi
Lo dico “Buon Natale”?

Né streghe con la coda
O legni magici
No, non ci vuole la magia
Per vincere la malinconia

Io dentro a un cappotto solo in questa via
E tanta acqua scende nel cuore e sul mio viso

Apri quella porta ed esci insieme a me
Le nostre labbra di nascosto nella notte
Apri quel cuore e fammi posto
Così, dico “Buon Natale a te!”

Apri quella porta ed esci insieme a me
Le nostre labbra di nascosto nella notte
Apri quel cuore e fammi posto
Così, dico “Buon Natale a te!”

 
Testi

8. Bon Nadale
Tazenda  

Disamparados (L.Marielli)

(Sardo)

Notte ‘e anneu
Chena una lumera
E in coro meu
No b’at un’ispera
Mì sa die
Chi istoccad’ una nue
E rie – rie
Beni’ innoe… Beni’ intonende unu dillu…
Beni’ intonende unu dillu…

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende

Bois fizos ‘e niunu
Chin sos annos irmenticados
Tue nd’has solu chimbantunu
Ma parent chent’annos

Dae sos muntonarzos de sa tziviltade
Sa ‘oghe ‘e sos disamparados
Ponimus una cantone
Ei chena alenu picare
Cantamus pro no irmenticare

Bois jajos ‘e niunu
Chin sos annos irmenticados
Sa vida ue bos at juttu?
In sos muntonarzos!

Coro meu
Fuente ‘ia, gradessida
Gai puru deo
Potho bier a sa vida
Mì sa die
Chi istoccad’ una nue
E rie – rie
Beni’ innoe… Beni’ intonende unu dillu…
Beni’ intonende unu dillu…

Nois fizos ‘e niunu
In sos annos irmenticados
Sa vida ue nos hat juttu?
In sos muntonarzos!

 

(Italiano)

Notte d’affanno
Senza una luce
E nel mio cuore
Non c’è speranza
Ecco il giorno
Che trafigge una nuvola
E ridendo
Arriva fin qui… Viene intonando un dillo…
Viene intonando un dillo…

Negli immondezzai, gli abbandonati
Cercando da mangiare, cercando
In mezzo alla gente, in mezzo
Alla strada chiedendo
La vita si sveglia piangendo

Voi figli di nessuno
Negli anni dimenticati
Tu ne hai solo cinquantuno
Ma sembrano cent’anni

Dagli immondezzai della civiltà
La voce degli abbandonati
Scriviamo una canzone
E senza prendere respiro
Cantiamo per non dimenticare

Voi nonni di nessuno
Con gli anni dimenticati
Dove vi ha portato la vita?
Negli immondezzai!

Cuore mio
Fonte viva, gradita
Così anch’io
Posso bere alla vita
Ecco il giorno
Che trafigge una nuvola
E ridendo
Arriva fino a qui…Viene intonando un dillo…
Viene intonando un dillo…

Noi figli di nessuno
Negli anni dimenticati
Dove ci ha portato la vita?
Negli immondezzai!

 
Testi

9. Disamparados
Tazenda  

Nanneddu (Tradizionale - Elaborazione musicale: Luigi Marielli)

(Sardo)

Nanneddu meu
su mundu est gai
a sicut erat
non torrat mai

Semus in tempos
de tirannias
infamidades
e carestias

Como sos populos
cascant che cane
gridende forte:
“Cherimus pane! “

Famidos, nois
semus pappande
pan’e castanza
terra cun lande

Terra ch’a fangu
torrat su poveru
senz’alimentu
senza ricoveru

Semus sididos
in sas funtanas
pretende s’abba
parimus ranas

Peus su famene
chi, forte, sonat
sa janna a tottus
e non perdonat

Nanneddu meu
su mundu est gai
a sicut erat
non torrat mai

Cuddas banderas
numeru trinta
de binu’onu
mudad’hant tinta

Appenas mortas
cussas banderas
non piùs s’osservant
imbreagheras

Sos tristos corvos
a chie los lassas?
Pienos de tirrias
e malas trassas

E gai chi tottus
faghimus gherra
pro pagas dies
de vida in terra

Nanneddu meu
su mundu est gai
a sicut erat
non torrat mai

Semus in tempos
de tirannias
infamidades
e carestias

Adiosu, Nanni
tenedi contu
faghe su surdu
ettad’a tontu

A tantu, l’ides
su mund’est gai
a sicut erat
non torrat mai

 

(Italiano)

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Viviamo in tempi
di tirannie
infamie
e carestie

Ora il popolo
sbadiglia come un cane
gridando a gran voce:
“Vogliamo pane!”

E noi, affamati
mangiamo
pane e castagne
terra con ghiande

Terra che in fango
riduce il povero
che è senza alimenti
e senza riparo

Siamo assetati
alle fontane
lottando per l’acqua
sembriamo rane

Peggio ancora,la fame
che bussa insistentemente
ad ogni porta
e non perdona

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Quelle trenta cantine
del buon vino erano
come bandiere
ora hanno cambiato colore

Appena spente
quelle bandiere
non si vedono
più persone sbronze

I corvi avidi
a chi li lasci?
Pieni di perfidia
e di inganni

E così tutti
facciamo guerra
per pochi giorni
di vita in terra

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Viviamo in tempi
di tirannie
soprusi
e carestie

Arrivederci, Nanni
riguardati
fai il sordo
fingi di non capire

Tanto, lo vedi
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

 
Testi

10. Nanneddu
Tazenda  

P.I. 02287380907
 

 
 
previous next
X