Madre terra – 2008

Copertina_Sistoria_Tazenda
 

Madre Terra (duetto con F. Renga)

(Sardo)

(Beppe)
Buongiorno a te
Alma Mater
Ischida, istella mia de sos chelos
(Francesco)
Anima mundi
Primo respiro

(insieme)
Madre Terra, Mama istella
(Beppe) Vittima antica (Francesco) di ogni guerra
(Insieme) Bella Mama addolorada
(Francesco) Rispondi al grido (Beppe) della follìa

(Francesco)
Dae custa notte
Madre Terra
Sognerò solo pace, alba e sole

(Beppe) Anima mundi
(Francesco) Segno di Dio

(Insieme)
Madre Terra, pura stella
(Beppe) Inonda oblìo (Francesco) per ogni vita
(Insieme) Bella Mama addolorada
(Francesco) Rispondi al grido (Beppe) della follìa

(Gigi)
E nos perdones
(Beppe)
De totu sos errores
(Gigi)
E nos perdones
(Francesco ) Nos…huuumm

(Insieme)

Madre Terra, ora brilla
Alza il tuo grido, la tua preghiera
Bella Mama addolorada
Madre infinita

(Francesco)  Buongiorno a te
(Insieme) Madre Terra

 

(Italiano)

(Beppe)
Buongiorno a te
Madre Benevola
Svegliati, stella mia dei cieli
(Francesco)
Anima del mondo
Primo respiro

(insieme)
Madre Terra, Madre stella
(Beppe) Vittima antica (Francesco) di ogni guerra
(Insieme) Bella Madre addolorata
(Francesco) Rispondi al grido (Beppe) della follìa

(Francesco)
Da questa notte
Madre Terra
Sognerò solo pace, alba e sole

(Beppe) Anima del mondo
(Francesco) Segno di Dio

(Insieme)
Madre Terra, pura stella
(Beppe) Inonda oblìo (Francesco) per ogni vita
(Insieme) Bella Madre addolorata
(Francesco) Rispondi al grido (Beppe) della follìa

(Gigi)
E che tu possa perdonarci
(Beppe)
Per tutti i nostri errori
(Gigi)
E che tu possa perdonarci
(Francesco ) A noi…huuumm

(Insieme)

Madre Terra, ora brilla
Alza il tuo grido, la tua preghiera
Bella Madre addolorata
Madre infinita

(Francesco)  Buongiorno a te
(Insieme) Madre Terra

 
Testi

1. Madre Terra
Tazenda  

Phonetic illusion (L.Marielli)

A volte nei sogni capitiamo in situazioni pazze dove le regole, del possibile e dell’impossibile, del cielo e
della Terra si mischiano e la nostra mente non capisce più niente di ciò che le accade.
Ma quando ciò succede nella vita reale allora, sicuramente, stiamo attraversando una zona di transito
che può lasciarci sbalorditi.  La chiave di volta di questa idea risiede nell’infinita possibilità dei linguaggi
utilizzati dalla comunicazione umana.  Le lingue o le parole sono gli strumenti che determinano se sarà
“comprensione” o “incomprensione”.
Tutto il resto saranno soltanto pure Illusioni.

(Sardo)

Luchende faulas
Bides abia
Bolende commo
Sighende illiberas

No b’at in nois
No b’at inìe
No b’at innoe
Senda mia

No b’at inìe
No b’at in nois
No b’at… Iss’est?

Dans’ in maìas
Noas no morent
No morene in…
In maìas

O bois, ello?
‘ìu chene, ‘iu chen…
Ghera ‘e abia
O bois? ‘ìu chen…

No b’at in nois
No b’at inìe
No b’at innoe
Senda mia

No b’at inìe
No b’at in nois
No b’at… Iss’est?

Luchende gai
Bides abia
Bolende commo
Cosende illiberas

Dans’in maìas…

 

(Italiano)

Favole che illuminano
Vedi un’ape
Ora sta volando
Seguendola ti liberi

Non c’è in noi
Non c’è là
Non c’è qui
Tesoro mio

Non c’è là
Non c’è in noi
Non c’è… E’ lei?

Danza in magìe
Le notizie non muoiono
Non muoiono…
In magìe

E voi, ah?
Vivo senza, vivo senza
Cera d’ape
E voi? Vivo senza…

Non c’è in noi
Non c’è là
Non c’è qui
Tesoro mio

Non c’è là
Non c’è in noi
Non c’è… E’ lei?

Luccicando così
Vedi un’ape
Ora sta volando
Gioendo ti liberi

Danze nelle magìe…

 
Testi

2. Phonetic Illusion
Tazenda  

Manouches (Testo e musica: Luigi Marielli)

Molto più di mille anni fa, un popolo originario del centro dell’India andò a cercare, a causa di una crisi politica ed economica,
cibo e lavoro più a nord, nel Punjabi e nel Rajastan. Queste genti, non trovando ciò che andavano cercando,
proseguirono il loro cammino. Uscirono dai confini, virarono a Occidente e intrapresero un Lungo Viaggio,
che ancora oggi non trova una meta: pace, stabilità, libertà. Una Terra dove fermarsi e mantenere viva la loro cultura:
questo è il loro grande desiderio. E’ una storia, la loro, affascinante. La storia dei Manouches, dei Sinti, dei Kalè, dei Romanichels
e di tutte quelle famiglie il cui nome significa “uomo” e che nell’antica lingua sanscrita si dice: Rom.
“Bud baxt ta sastipè”

(Sardo)

Manouches, Manouches, he he
Sinti, Kale, he he
Romanichels
Rom om om om hei!

Camineras ei andalas
Chentu terras e lacanas
Sas fronteras fiant fraulas
Milli annos de lagrimas

Ho camminato su queste terre
Per mille anni e ancora di più…oh oh
E’ un lungo viaggio verso il silenzio
Verso una strada che nome non ha

Manouches, Manouches, he he
Sinti, Kale, he he
Romanichels
Rom om om om hei!

Tra Tarocchi e cavalli
Ho attraversato ogni cosa
Ho attraversato il dolore
Insieme alla mia sposa

Ho camminato su queste terre
Per mille anni e ancora di più…oh oh
E’ un lungo viaggio verso il silenzio
Verso una casa che porte non ha

Manouches, Manouches, he he
Sinti, Kale, he he
Romanichels
Rom om om om hei!

Manouches

Manouches, Manouches, he he
Sinti, Kale, he he
Romanichels
Rom om om om hei!

Stradine e sentieri
Cento terre e confini
Le frontiere erano fragole
Mille anni di lacrime

Ho camminato su queste terre
Per mille anni e ancora di più…oh oh
E’ un lungo viaggio verso il silenzio
Verso una strada che nome non ha

Manouches, Manouches, he he
Sinti, Kale, he he
Romanichels
Rom om om om hei!

Tra Tarocchi e cavalli
Ho attraversato ogni cosa
Ho attraversato il dolore
Insieme alla mia sposa

Ho camminato su queste terre
Per mille anni e ancora di più…oh oh
E’ un lungo viaggio verso il silenzio
Verso una casa che porte non ha

Manouches, Manouches, he he
Sinti, Kale, he he
Romanichels
Rom om om om hei!

 
Testi

3. Manouches
Tazenda  

Miele amaro (Testo : Luigi Marielli e Kaballà Musica: Luigi Marielli)

… passare davanti ad un luogo… dove da piccoli eravamo soliti giocare o semplicemente vivere.
Il ritornare a percepire quella “vita” è un attributo quasi magico della nostra esperienza su questa Terra.
I sapori e gli odori sono i catalizzatori più potenti per riportare il tempo dal presente al passato.

(Sardo)

Serena era l’aria
La luna un’alleluia
Il passato ha in se il dolore
Ma la memoria è gioia
E sento il suo sapore
Di miele amaro

Antigas emossiones m’hatant a leare

Su tempus s’ischidat
Che su sole a manzanu
Momentos ammentana, oh oh oh oh oh
Momenti di pace
Si sciolgono in un canto
E indietro sanno tornare

Su queste antiche vie che portano al mare

Sa vida hat a passare
A s’infinitu hap’ a arrivare
Si s’anima connosches
Il viaggio è nostalgia

E porta in sé il profumo
Di miele amaro

Antiche emozioni migrano nel cuore

Il giorno s’inchina
All’ombra della sera
Indietro si guarderà, oh oh oh oh oh
Su tempus chi colet
Che sole a s’inghelada
Sas domos reposana
Su queste antiche vie che portano al mare

Mm mm mm mm mm mm
Antigas emossiones m’hatant a leare
E cando penso a tie
Est pro mi consolare

Ricordi di pace
Legati a questo canto
Che il vento disperderà

E questa lieve pioggia tutto può guarire
Mm mm mm mm mm mm
Miele amaro

 

(Italiano)

Serena era l’aria
La luna un’alleluia
Il passato ha in se il dolore
Ma la memoria è gioia
E sento il suo sapore
Di miele amaro

Antiche emozioni mi porteranno via

Il tempo si sveglia
Come il sole al mattino
Momenti ricordano, oh oh oh oh oh
Momenti di pace
Si sciolgono in un canto
E indietro sanno tornare

Su queste antiche vie che portano al mare

La vita passerà
Arriverò all’infinito
Se conosci l’anima
Il viaggio è nostalgia

E porta in sé il profumo
Di miele amaro

Antiche emozioni migrano nel cuore

Il giorno s’inchina
All’ombra della sera
Indietro si guarderà, oh oh oh oh oh
Che il tempo passi
Come il sole al tramonto
Le case riposano
Su queste antiche vie che portano al mare

Mm mm mm mm mm mm
Antiche emozioni mi porteranno via
E quando penso a te
E’ per consolarmi

Ricordi di pace
Legati a questo canto
Che il vento disperderà

E questa lieve pioggia tutto può guarire
Mm mm mm mm mm mm
Miele amaro

 
Testi

4. Miele Amaro
Tazenda  

Narami (Testo e musica di Luigi Marielli)

La nostalgia delle proprie origini e delle proprie radici causa sempre grande dolore.

Questa ferita non può essere curata con metodi convenzionali. Occorre una medicina speciale: l’amore.

Questo viatico non è facile da trovare. C’è un solo posto dove viene venduta: questo paese si chiama Qalb.

(Sardo)

iamus duos, fiamus crios
Fiamus goi luchentes
Duos coros isperdidos
Intro ‘e arcanas dansas

Fiamus dansadores de sos coros

Narami, amore, su sole chi ses
Mi fache’ intendere frore che a tie
Sa luna chi ses tue
Mi fache’ intendere asie…tue narami!

Fiamus duas, dies plenas
De tempus ‘e ninnare
Fiamus duos, fiamus crios
Fiamus chen’ ammentos

Fiamus dansadores ‘e sos ammentos

Narami ‘alu chin su numen’ meu
Fachemi intender prus durche de a tie
Chin s’abba in s’anima
Mi fachet pranghere, oh oh…tue narami!

Nues de iberru nigheddu intund’a nois
S’urrulu ‘ e su ‘entu
Issu nos hat a frimma-a-a-re…stop!

Mi fache’ intendere asie…tue narami!

Narami amore su sole chi ses
Mi fache’ intendere frore che a tie
Sa luna chi ses tue
Mi fache’ intendere asie…tue narami!

 

(Italiano)

Eravamo due, eravamo puledri
Eravamo così raggianti
Due cuori dispersi
Dentro antiche danze

Eravamo danzatori di cuori

Dimmi, amore, il sole che sei
Mi fa sentire un fiore come te
La luna che tu sei
Mi fa sentire così…tu dimmi!

Eravamo due, giornate piene
Di tempo da cullare
Eravamo due, eravamo puledri
Eravamo senza ricordi

Eravamo danzatori di ricordi

Chiamami ancora col mio nome
Fammi sentire più dolce di te
Con l’acqua nell’anima
Mi fa piangere, oh oh…tu dimmi!

Nuvole di un inverno nero intorno a noi
Il grido del vento
Esso ci fermerà…stop!

Mi fa sentire così…tu dimmi!

Dimmi, amore, il sole che sei
Mi fa sentire un fiore come te
La luna che tu sei
Mi fa sentire così…tu dimmi!

 
Testi

5. Narami
Tazenda  

 

6. Pane Caente
Tazenda  

Anima nel vento (Testo: Luigi Marielli e Kaballà Musica: Giuseppe Dettori, Roberto Scarpetta)

Tutto ciò che ha un’anima dovrebbe essere rispettato e onorato affinché cresca e sopravviva alle intemperie della vita,
sia essa l’anima di un bambino o quella di un pianeta vivente come la nostra Terra

(Sardo)

Sunt pro a tie
Sos sentidos meos
Luche a tie
Ca iscurtes custu coro meu
Sa oghe sonat
Sonat s’Eterna
Lenta si moede, a…a…

Anima in su ‘entu
Proa a bibere abberu
Forse tu sei nuvola
Nuvola che fugge via
Oh oh oh oh oh
Oro nel fiume del mondo che si muove

Sei l’energia
Di ogni mia parola
Luce sei
Dentro la memoria
Gioia di esistere
Riva serena
Dell’inquietudine mia

Anima nel vento
Prova a vivere in eterno
Forse tu sei l’ultima
L’ultima cosa che ho
Oh oh oh oh oh
Primo respiro di un mondo che si muove

Anima in su entu
Proa a bibere abberu
Anima in su entu
Proa a bibere…
Anima nel vento
Sento nascere da dentro
Forte la tua musica
L’unica che non ha fine
Musica che non ha fine

Anima nel vento
Sono per te
I miei sentimenti
Luce a te
Perchè tu possa ascoltare questo mio cuore
La voce suona
Suona l’Eterna
Si muove lenta, a…a…

Anima nel vento
Provi a vivere davvero
Forse tu sei nuvola
Nuvola che fugge via
Oh oh oh oh oh
Oro nel fiume del mondo che si muove

Sei l’energia
Di ogni mia parola
Luce sei
Dentro la memoria
Gioia di esistere
Riva serena
Dell’inquietudine mia

Anima nel vento
Prova a vivere in eterno
Forse tu sei l’ultima
L’ultima cosa che ho
Oh oh oh oh oh
Primo respiro di un mondo che si muove

Anima nel vento
Provi a vivere davvero
Anima in su entu
Provi a vivere…
Anima nel vento
Sento nascere da dentro
Forte la tua musica
L’unica che non ha fine
Musica che non ha fine

 
Testi

7. Anima Nel Vento
Tazenda  

Lamentos (Testo: Giuseppe Dettori, Roberto Scarpetta, Kaballà Musica: Giuseppe Dettori e Roberto Scarpetta)

Le persone sensibili, a volte, riescono a sentire un lontano lamento. Il lamento della natura.

(Sardo)

C’è un anima
che fragile
non sa più respirare

Oh, le mani tue
Come le mie
Hanno acute spine

E l’anima
Di sale sa
E di dolore

Lamentos, ah ah ah

Lamentos
Dal tuo cuore al mio
Lamentos
Si sente lontano un grido d’amore e

Quest’anima
Che porta in sé
Echi di dolore

Lamentos, ah ah ah

Lamentos
Dal mio cuore al tuo
Lamentos
Si sente lontano un grido d’amore

Lamentos, ah ah ah ah ah

 

(Italiano)

C’è un anima
che fragile
non sa più respirare

Oh, le mani tue
Come le mie
Hanno acute spine

E l’anima
Di sale sa
E di dolore

Lamenti, ah ah ah

Lamenti
Dal tuo cuore al mio
Lamenti
Si sente lontano un grido d’amore e

Quest’anima
Che porta in sé
Echi di dolore

Lamenti, ah ah ah

Lamenti
Dal mio cuore al tuo
Lamenti
Si sente lontano un grido d’amore

Lamenti, ah ah ah ah ah

 
Testi

8. Lamentos
Tazenda  

Patria quieta (Testo : Luigi Marielli Musica: Luigi Camedda e Luigi Marielli)

In un vecchio portale persiano è scritto: “safar dar watan” “viaggiare in patria”. Questo segreto indica noi stessi
come paese da esplorare. Il viaggio più utile, la Terra più importante, è dentro di noi: il nostro carattere,
le nostre tendenze, i nostri pregi e difetti. Noi siamo la vera Terra da conoscere, amare e rispettare.
Tutto il resto sarà una conseguenza, compreso il desiderio di scoprire misteri di mondi lontanissimi…

(Sardo)

Danze di fragili “me”
Tra cantilene e abbandono
Io mi riposo
Ed è…un giorno senza luce di te
Trema il silenzio
E patria non ho…nell’impazienza

E mi accompagno così
Poco ubriaco di pace
Nasce il presente
Ed è…è…tenebra di felicità
Che non mi porta via
E quiete non ho…nell’illusione

Innoe subra ‘e sos cantos ‘e sos armuttos
T’intendo intr’ ‘e sas laras de sos bentos
Che frua de unu frore
Pitzinnos in sa ninna nanna

Se la mia meta è l’addio
Da me io parto o ritorno?
Nulla è più nulla
Ed è…tempo di Ricordo e pioggia
Che un po’ mi porta via
E patria non ho…è un lungo viaggio

Innoe subra ‘e sos cantos ‘e sos armuttos
T’intendo intr’ ‘e sas laras de sos bentos
Che frua de unu frore
Pitzinnu in sa ninna nanna

Innoe subra ‘e sos cantos ‘e sos armuttos
T’intendo intr’ ‘e sas laras de sos bentos
Che frua de unu frore
Pitzinnos in sa ninna nanna

 

(Italiano)

Danze di fragili “me”
Tra cantilene e abbandono
Io mi riposo
Ed è…un giorno senza luce di te
Trema il silenzio
E patria non ho…nell’impazienza

E mi accompagno così
Poco ubriaco di pace
Nasce il presente
Ed è…è…tenebra di felicità
Che non mi porta via
E quiete non ho…nell’illusione

Qui sui canti degli asfodeli
Ti sento tra le labbra del vento
Come la linfa di un fiore
Bambini nella ninna nanna

Se la mia meta è l’addio
Da me io parto o ritorno?
Nulla è più nulla
Ed è…tempo di Ricordo e pioggia
Che un po’ mi porta via
E patria non ho…è un lungo viaggio

Qui sui canti degli asfodeli
Ti sento tra le labbra del vento
Come la linfa di un fiore
Bambino nella ninna nanna

Qui sui canti degli asfodeli
Ti sento tra le labbra del vento
Come la linfa di un fiore
Bambini nella ninna nanna

 
Testi

9. Patria Quieta
Tazenda  

Sa mesa (L.Marielli)

La relazione tra l’uomo e la Terra è una delle più durevoli e fruttuose. Questo ancestrale mutuo scambio arricchisce le due parti,
che perpetuano il loro incessante dare e ricevere cura, braccia, lavoro, amore.
Il tutto si trasforma in una particolare forma di vita che
si chiama “cibo”. Il risultato di questa trasmutazione dona vita e allegria alle nostre tavole.

(Sardo)

Bellu est

Su tricu in beranu
Abba e abba e abba e bentu
Annada de sarmentu

Bellu est
A su sole de martu
Chin sos betzos piscadores
Su mare ‘e su mandzanu

E cando sos pastores
E sos massajos
Torrant a essere bios

Beneitta siat custa terra e beneitta custa mesa
Beneittu siat custu ‘inu, beneittu custu pane
E mandicamus in pache
Sutta ‘e sa cappa de nostru Segnore

Bellu est
Bellu est bentulare
Pitzinnos allegros current
In sa tanca arada

Bella est

Plena de laore
Sa ena chin brundos pilos
A sa luche ‘e sa luna

Nudda commo falta
In sos foghiles
In custa chena chen’ anneos

Beneitta siat custa terra e beneitta custa mesa
Beneittu siat custu ‘inu, beneittu custu pane
E mandicamus in pache
Sutta ‘e sa cappa de nostru Segnore

E mandicamus in pache
Sutta ‘e sa cappa de nostru Segnore

Aggrassias, narbonajos
Ei ortolanos
Ca cuntividzades a nois

 

(Italiano)

E’ bello
Il grano a primavera
Acqua e acqua e acqua e vento
Annata di sarmento

E’ bello
Sotto il sole di marzo
Con i vecchi pescatori
Il mare del mattino

E quando i pastori
E gli agricoltori
Tornano ad esser vivi

Sia benedetta questa terra e benedetta questa tavola
Sia benedetto questo vino, benedetto questo pane
E mangiamo in pace
Sotto la cappa di nostro Signore

E’ bello
E’ bello trebbiare
Bambini corrono allegri
Nel terreno arato

E’ bello

Pieno di frumento
Il campo dai capelli biondi
Sotto la luce della luna

Ora non manca niente
Nei focolari
In questa cena senza affanni

Sia benedetta questa terra e benedetta questa tavola
Sia benedetto questo vino, benedetto questo pane
E mangiamo in pace
Sotto la cappa di nostro Signore

E mangiamo in pace
Sotto la cappa di nostro Signore

Grazie, contadini
E ortolani
Per prendervi cura di noi

 
Testi

10. Sa Mesa
Tazenda  

Liberamus (Testo : Luigi Marielli e Kaballà Musica: Giuseppe Dettori e Roberto Scarpetta)

Gli anziani sentono la nostalgia della purezza e della bellezza della Terra, per come era molti anni fa: incontaminata e libera.
Il nostro compito potrebbe essere quello di restituire ai nostri figli la terra, così come i nostri nonni ce l’hanno consegnata.
Gli indiani d’America ci insegnano ad instaurare con Lei un rapporto Sacro.

(Sardo)

Distese di fiori
Onde di colori
L’erba invocava la sua terra

Da ogni montagna
Fonte scaturiva
Per abbracciare il padre oceano

E la gente
Donava al tempo più tempo

I vecchi hanno il dono
Della nostalgia
E custodiscono bellezza

Un’arpa lontana
Suono dell’oriente
Come dall’anima una voce

Est torrende
Tempus chi colet in su tempus

Liberamus
Undas ‘e luche in fora ‘e nois
E miramus
Sas dies de sas abbas
Liberamus
Sas dies ‘e luche

Ai figli rimane
Sotto questa cenere
Ancora un fuoco di passione

 

(Italiano)

Distese di fiori
Onde di colori
L’erba invocava la sua terra

Da ogni montagna
Fonte scaturiva
Per abbracciare il padre oceano

E la gente
Donava al tempo più tempo

I vecchi hanno il dono
Della nostalgia
E custodiscono bellezza

Un’arpa lontana
Suono dell’oriente
Come dall’anima una voce

Sta tornando
Tempo che scorre nel tempo

Liberiamo
Onde di luce fuori di noi
E guardiamo
I giorni delle piogge
Liberiamo
I giorni di luce

Ai figli rimane
Sotto questa cenere
Ancora un fuoco di passione

 
Testi

11. Liberamus
Tazenda  

Lebia nue (Testo e musica: Luigi Marielli)

A volte la fine di un amore può mostrarci quanto siamo capaci o incapaci di dare prima di volere sempre ricevere.
La Natura ci offre splendidi esempi di amore incondizionato verso ciò che ci circonda.

(Sardo)

Chena “eo” a cumandare
Chene imparare a imparare
Chena donare, alabare
Chena rejone chi mi leat

‘alu ses in sos sentidos meos

Mira sa Terra, in custu mamentu
In d’onzi sou lamentu
Mira s’aera, plena de alenos
Sunt onzi tou errore

Ei custa abba juchet ebbia
Onzi umbra, onzi colore
Ca onzi iberru ‘e cada amore
Est s’alenu de machine

‘alu ses in sos sentidos meos

Mira sa Terra, in custu mamentu
In d’onzi sou lamentu
Mira s’aera, plena de alenos
Sunt onzi tou errore

Una nuvola hat a passare lizera…

Ah ah ah ah ah ah ah ah

Mira sa Terra air’aira
In cada istajone
B’hat una rejone in d’onzi risu
E una pro cada anneu

Una nuvola hat a passar’ lizera…leggera

 

(Italiano)

Senza esser io a comandare
Senza insegnare come imparare
Senza regalare, senza lodare
Senza ragione che mi prende

Sei ancora nei miei sentimenti

Guarda la Terra, in questo momento
In ogni suo lamento
Guarda l’aria, piena di respiri
Sono ogni tuo errore

E quest’acqua ha anche
Ogni ombra, ogni colore
Perchè ogni inverno di ogni amore
E’ il respiro della follìa

Sei ancora nei miei sentimenti

Guarda la Terra, in questo momento
In ogni suo lamento
Guarda l’aria, piena di respiri
Sono ogni tuo errore

Una nuvola passerà leggera…

Ah ah ah ah ah ah ah ah

Guarda la terra profondamente
In ogni stagione
C’è un motivo dietro ad ogni sorriso
E uno dietro ad ogni affanno

Una nuvola passerà leggera…leggera

 
Testi

12. Lebia Nue
Tazenda  

Misterios (L.Marielli)

La Terra da curare è il nostro pianeta, il nostro continente, la nostra nazione, la nostra regione, la nostra città, il nostro quartiere,
la nostra casa, la nostra famiglia, il nostro corpo, la nostra anima. Questi sono gli unici segreti ed i misteri a cui tendere.
Buon lavoro e buon viaggio ognuno nella propria Terra.

 

Vorrei conoscere i segreti dell’Universo

La Grande Opera, ah!
Vorrei comprendere dove nascono le emozioni
I miei sentimenti, hi!
Vorrei risolvere tutti i problemi che ho, oh oh oh oh
Perché il Tutto scorra in me

E conoscere il mio Sè
Con tutte le cose del cosmo provare l’unità
E gli eterni mutamenti
Dietro le forme che danzano, sono il vero senso
Oh oh oh oh oh oh… Oh oh oh…

Vorrei conoscere i segreti di un’altra vita
Scritti nelle molecole eh

Vorrei riflettere la luce delle stelle
Nel mio comportamento, oh!

Vorrei imparare a cambiare qualcosa di me, he he he he
Prima di cambiare il mondo

E conoscere il mio Sè
Con tutte le cose del cosmo provare l’unità
E gli eterni mutamenti
Dietro le forme che danzano, sono il vero senso

Quante risposte non esistono nemmeno
E quanti angeli ho sprecato nell’attesa… di svegliarmi?

Sono il vero senso…

Vorrei conoscere i segreti dell’Universo
Vorrei creare i miei pensieri… I-O

 
Testi

13. Misterios
Tazenda  

Sacrofango (Testo : Luigi Marielli Musica: Luigi Camedda)

(Sardo)

Dae meda, meda tempus bos cuntzedo sa carena mia Fachidemi isperare chi cuntivizades a mie
Deo soe sa ‘ostra Mama De Sa Terra…

 

(Italiano)

Da molto, molto tempo vi concedo il mio corpo
Fatemi sperare che vi prenderete cura di me
Io sono la vostra Madre Terra…

 
Testi

14. Sacro Fango
Tazenda  

P.I. 02287380907
 

 
 
previous next
X