Il sole di Tazenda – 1997

Copertina_Sistoria_Tazenda
 

Scaldaci Sole

Cuori che battono al fuoco
dentro quel gioco di vetro,
gelido inverno di bestie
e di povere facce d’inferno.
Istuda sa luche e sonnia
baddes ‘e murta,
enas ‘e laore e melodias.
Scaldaci sole, scaldaci sole,
salvaci dalla tristezza.

Coros chi morint asie
in cussu giogu de fogu,
rimitanos fizos ‘e iberru,
brujados fizos ‘e inferru.

Istuda sa luche e sonnia
baddes ‘e murta,
enas ‘e laore e melodias.
Mandache mama,
mandache mama,
mandache mama sos mortos.

Nois chi gherramus
cada die sa litania
de custa vida chi pranghet,
riet e nos ghiat
in sa caminera infinida
‘e sos misterios
cun sa liturgia de una missa
cantada pro a nois.
E nois chi istudamus sa luche
sonniamos de un orbe chi nos
fachet currer ‘ene.

Scaldaci sole, scaldaci sole.

Portano vento e giornali
l’aria dell’era dei mali,
ma con astuzia ed inganno

passeremo anche quest anno.
Omines canos, omines nigheddos,
cristianos, giudeos, musulmanos,
frades de gherra e de pache,
mastros de vida e de morte,
istudades su fogu ‘e sa malatrassa
e sa gramigna e asie siat.
Mandache mama,
mandache mama,
mandache mama sos mortos.

Nois chi gherramus
cada die sa litania
de custa vida chi pranghet,
riet e nos ghiat
in sa caminera infinida
‘e sos misterios
cun sa liturgia de una missa
cantada pro a nois.
E nois chi istudamus sa luche
sonniamos de un orbe chi nos
fachet currer ‘ene.

Scaldaci sole, scaldaci sole,
salvaci dalla tristezza.
Mandache mama,
mandache mama,
mandache mama sos mortos.

Scaldaci sole, scaldaci sole,
salvaci dalla tristezza.
Mandache mama,
mandache mama,
mandache mama sos mortos!

 
Testi

1. Scaldaci sole
 

Spunta la luna dal monte (P.Bertoli/L.Marielli - L.Marielli)

(Sardo)

Notte scura, notte senza la sera
Notte impotente, notte guerriera
Per altre vie, con le mani le mie
Cerco le tue, cerco noi due

Spunta la luna dal monte
Spunta la luna dal monte

Tra volti di pietra, tra strade di fango
Cercando la luna, cercando
Danzandoti nella mente, sfiorando tutta la gente
A volte sciogliendosi in pianto

Un canto di sponde sicure, ben presto dimenticato
Voce di poveri resti di un sogno mancato

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende
Bois fizos ‘e niunu
In sos annos irmenticados
Tue nd’has solu chimbantunu
Ma parent chent’annos

Coro meu,  cuore mio
Fuente ‘ia, gradessida,  fonte chiara e pulita
Gai puru deo,  dove anch’io
Potho bier a sa vida,  posso bere alla vita

Dovunque cada l’alba sulla mia strada
Senza catene vi andremo insieme

Spunta la luna dal monte
Beni’ intonende unu dillu
Spunta la luna dal monte

Tra volti di pietra, tra strade di fango
Cercando la luna, cercando
Danzandoti nella mente, sfiorando tutta la gente
A volte sedendoti accanto

Un canto di sponde sicure di bimbi festanti in un prato
Voce che sale più in alto di un sogno mancato

 
Testi

2. Spunta la luna dal monte
 

Rios De Alenos

(Sardo)

Deo so sos pes meos,
soe so benujos meos,
soe sas cambas meas,
soe sas ancas meas,
soe su ‘entre meu,
soe s’imbilicu meu,
soe sos brazos meos,
soe sas manos meas,
soe sas palas meas,
deo so su coro meu.

So su pettu meu,
soe su tuju meu,
soe s’ischina mea,
soe sos fiancos meos,
soe sos ossos meos,
soe sas naticas meas,
soe su carveddu meu,
soe su sambene meu,
soe sos zenitales meos,
deo so s’alenu meu.

Un alenu che unda intr’a mie
dae sa fornte fintzas a sos pes.
Un alenu che nue fuit ‘ia
e incontrat un’atera nue
supra rios, montes, notte e die.

Soe sos pilos meos,
soe sa fronte mea,
soe sos chizos meos,
soe sas origras meas,
soe sos ogros meos,
so su nare meu,
soe sas pinnas meas,
soe sas laras meas,
so sa bula mea,
deo so sa limba mea.

Un alenu che unda intr’a mie
dae sa fronte fintzas a sos pes.
Un alenu che nue fuit ‘ia
e incontrat un’atera nue
supra rios, montes, notte e die.

Deo so sa carena mea
deo so s’ispiritu meu et intr’a mie…
rios de alenos.

Rios de alenos.
Son le mani mie,
sono gli occhi miei, / rios de alenos
sono il cuore mio,
sono il sangue mio,
sono il respiro mio,
son lo spirito mio,
sono i genitali miei, / rios de alenos
son le mani.
Son le mani mie,
sono gli occhi miei, / rios de alenos
sono il cuore mio,
sono il sangue mio,
sono il respiro mio,
son lo spirito mio,
sono i genitali miei,
deo so sa limba mea.

 
Testi

3. Rios de alenos
 

 

4. Carrasecare
 

Preghiera semplice (L.Marielli)

(Sardo)

Dansat sa majalza
Sa majalza dansat
Archimissa in sas manos

Ballu, ballu tundu
Abbatticamus su mundu
Brincamus che indianos

Sa vida, sa sorte, su nuscu ‘e sa terra mia
Sa muida ‘e sa morte, sas dudas mias

Se un’altra volta ancora quella luce splenderà
Ci sentiremo un po’ più uniti, nei fiumi e nei granai
Ma inevitabilmente un nuovo giorno nascerà
E per la storia ancora guai
Se lei…si spegnerà

Oh Lord, you lead me, oh Lord
Oh Lord, you lead me, oh Lord
Oh Lord, oh Lord!

Dansat sa majalza
Sa majalza dansat
Licarissu in sas laras

Malu, malu mundu
Brincamus in ballu tundu
Pregamus che africanos

Sa vida, sa sorte, su nuscu ‘e sa terra mia
Sa muida ‘e sa morte, sas dudas mias

Se un’altra volta ancora quella luce splenderà
Ci sentiremo più vicini, a deserti e ghiacciai
Ma inevitabilmente un nuovo giorno nascerà
Per certa gente sempre ed altra mai
…si spegnerà

Una preghiera semplice può darti tanto
Ma non illuderti all’incanto
Che lei t’infonderà
Una preghiera semplice ti può aiutare
Ma non fermarti ad aspettare
Così…si spegnerà

Nàm – myo – hò – rénge – kyò
Nàm – myo – hò – rénge – kyò

 

(Italiano)

Danza la maliarda
La maliarda danza
Spigo nelle mani

Ballo, ballo tondo
Calpestiamo il mondo
Saltiamo come indiani

La vita, il destino, l’odore della mia terra
Il ronzio della morte, i miei dubbi

Se un’altra volta ancora quella luce splenderà
Ci sentiremo un po’ più uniti, nei fiumi e nei granai
Ma inevitabilmente un nuovo giorno nascerà
E per la storia ancora guai
Se lei…si spegnerà

Oh Signore, guidami tu, oh Signore
Oh Signore, guidami tu, oh Signore
Oh Signore, oh Signore!

Danza la maliarda
La maliarda danza
Liquirizia nelle labbra

Cattivo, cattivo mondo
Saltiamo in ballo tondo
Preghiamo come africani

La vita, il destino, l’odore della mia terra
Il ronzio della morte, i miei dubbi

Se un’altra volta ancora quella luce splenderà
Ci sentiremo più vicini, a deserti e ghiacciai
Ma inevitabilmente un nuovo giorno nascerà
Per certa gente sempre ed altra mai
…si spegnerà

Una preghiera semplice può darti tanto
Ma non illuderti all’incanto
Che lei t’infonderà
Una preghiera semplice ti può aiutare
Ma non fermarti ad aspettare
Così…si spegnerà

Mi dedico alla mistica legge di causa ed effetto
Mi dedico alla mistica legge di causa ed effetto

 
Testi

5. Preghiera semplice. Deus ti salvet Maria
 

No potho reposare (tradizionale)

(Sardo)

Non potho riposare amore ‘e coro
Pensende a tie so d’onzi momentu
No istes in tristura prenda ‘e oro
Ne in dispiaghere o pensamentu

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

Si m’esser possibile d’anghelu
S’ispiritu invisibile piccabo

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

Sas formas
E furabo dae chelu su sole e sos isteddos
E formabo unu mundu bellissimu pro tene
Pro poder dispensare cada bene
Unu mundu bellissimu pro tene
Pro poder dispensare cada bene

Non potho reposare amore ‘e coro
Pensende a tie so d’onzi momentu
T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

 

(Italiano)

Non riesco a riposare amore del cuore
Sto pensando a te ogni momento
Non essere triste gioiello d’oro
Ne addolorata o preoccupata

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Se mi fosse possibile prenderei
Lo spirito invisibile dell’angelo

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Le forme
E ruberei dal cielo il sole e le stelle
E creerei un mondo bellissimo per te
Per poterti regalare ogni bene
Un mondo bellissimo per te
Per poterti regalare ogni bene

Non riesco a riposare amore del cuore
Sto pensando a te ogni momento
Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

 
Testi

6. No potho reposare
 

 

7. Mamoiada
 

S'istrada 'e Sa Luna

In s’istrada ‘e sa Luna
bi fiat una cria
ocros ‘e castanza.
In s’istrada ‘e sa Luna
unu raju luchiat
in sinnu de isperatzia,
sinnu de fortuna.
E che rore de iberru
ermosa sa luche
chi juchiat sa pache
in chelos de ferru.

In sa gherra ‘e sas gherras
bi fiat unu pitzinnu
sos pilos nigheddos.
In sa gherra ‘e sas gherras
cantaiat un’innu
a sos malefadados,
a sas noas terras.
E che bentu, che frore
fiat bellu su risu,
fiat mannu su sole
chi juchiat in coro.
Bi fiat unu pitzinnu
sos pilos nigheddos,
ocros ispantados
e in bucca unu cantu.

In coro ‘e sos soldatos
bi fiat una cantone,
l’aiat posta Deus.
In coro ‘e sos soldatos
non b’aiat rejone
a inbentare s’anneu
frutt” e dolores mudos.
E che frina de mare
galana sa die,
galana ses tue,
columba ‘e abrile.
In coro ‘e sos soldatos
galana sa die,
galana ses tue,
columba ‘e beranu.

Bi fiant duos pitzinnos
intr’e custu sonniu,
intr’e custu contu,
fiant bellos che annijos.
In s’istrada ‘e Fortuna
bi fiant duos pitzinnos,
isperas juchiant
a sa Luna.

In s’istrada ‘e sa luna,
bi fiat una cria
ocros ‘e castanzas.

 
Testi

8. S'istrada 'e sa luna
 

 

9. Sutt'e su sole
 

Non la giamedas Maria (L.Marielli)

(Sardo)

S’andala ‘e sa vida
Nos perdonet sos errores
Attesu dae s’onore
Innoramala naschida

In manu ‘e cussa cosa
Non b’at martire ne eroe
Cun tottu su candore
Ticche juchet in sa losa

S’Ave Maria de su duamiza
A sa janna est iscudende
Ei s’isperantzia andande
Subra a nois prusu no bizat

Cocciarinos inrugados
In su ‘‘tuccaru marrone’’
Umpare a tie che unu coglione
Duos limones acabbados

Non la giamedas Maria
Non la giamedas Johanna
Est una pena prus manna
Est in un’atera bia

In lumen de su sole
Det essere una lastima
Pro su lustru ‘e nostr’anima
Si non bocchimus su male

Nieddu che s’orrore
Su tempus nos raggirat
Ma si accontzada sa mira
Puru nois cherimu’ amore

In sa die de Nadale
A tie faghe unu donu
Tzertu non est indonu
Ma prus de s’oro balet

E como affunda in sa zente
E non cantzelles su passadu
E si s’ammentu est abbunzadu
Chirches luche in su presente

Biancu froccada su nie
Ei gaia fiorit una rosa
Est morzende cussa cosa
Ei custa gherra contr’ a tie

 

(Italiano)

La strada della vita
Ci perdoni gli errori
Lontana dall’onore
Nata in cattiva sorte

Nelle mani di quella cosa
Non c’è martire nè eroe
Con tutto il suo candore
Ti porta nella tomba

L’imbrunire del duemila
Sta bussando alla porta
E la speranza andando via
Non veglia più su di noi

Cucchiaini incrociati
Nello ‘‘zucchero marrone”
Insieme a te come un coglione
Due limoni spremuti

Non la chiamate Maria
Non la chiamate Giovanna
E’ una pena più grande
E’ in un’altra via

Nel nome del sole
Sarebbe un peccato
Per la nobiltà della nostra anima
Se non uccidessimo il male

Nero come l’orrore
Il tempo ci inganna
Ma se aggiustasse la mira
Anche noi vorremmo amore

Il giorno di Natale
Fatti un regalo
Certo non è facile
Ma vale più dell’oro

Ed ora tuffati nella gente
E non cancellare il passato
E se il ricordo è intorbidito
Cerca luce nel presente

Bianca fiocca la neve
E gaia fiorisce una rosa
Sta morendo quella cosa
E questa guerra contro di te

 
Testi

10. Non la giamedas Maria
 

Pitzinnos in sa gherra (L.Marielli-F.De Andrè / L.Marielli)

(Sardo)

Si sese de mutria mala
Morigande in sos pensamentos
E lestra de su grecu s’ala
Ispinghet ecos de lamentos
Brinca sos trabentos
Ei bessi dae su ludu
Puru si non as a ottenner bantos
Proa a dare un’azudu

No iscurtes sas muidas
Lassa puru sas peadas
Sa tristessa commo este luida
E de realidade aundada

Arantzos in bucca a sos pitzinnos
A sa muda in sa rena, setzidos
Fusileddos in sa pala
Pedras in sa bertula
Issoso cherent una terra
Pitzinnos in sa gherra

Su destinu in sos isteddos
(falet subra a sos piseddos)
Est drommende a bentre a chelu
(un’ateru chelu pro lentolu)

Tue brinca sos trabentos
Ei bessi dae su ludu
Puru si non as a ottener bantos
Proa a dare un’azudu

Fintzas a cando sa pena
Su mundu in sas manos at a aere
Ischida∙ticche in bona lena
Fortzis gia giuches su chi cheres

Trenta, quaranta, cinquanta
Mitragliatrice canta
A tenore
Tutti seduti giù per terra

Quaranta, cinquanta, cinquantuno
Ferite di coltello
Nel cuore
Tutti seduti giù per terra
Pitzinnos in sa gherra

 

(Italiano)

Se sei di cattivo umore
Rimestando nei pensieri
E la veloce ala del grecale
Spinge echi di lamenti
Evita i precipizi

Ed esci dal fango
Anche se non otterrai riconoscimenti
Prova a dare un aiuto

Non ascoltare i fruscii
Lascia pure le impronte
La tristezza adesso è redenta
E di realtà inondata

Arance in bocca ai bambini
In silenzio nel terriccio, seduti
Fucilini in spalla
Pietre nella bisaccia
Loro vogliono una terra
Bambini nella guerra

Il destino nelle stelle
(scenda sopra ai bambini)
Sta dormendo a pancia all’aria
(un altro cielo per lenzuolo)

Tu evita i precipizi
Ed esci dal fango
Anche se non otterrai riconoscimenti
Prova a dare un aiuto

Fino a quando il dolore
Avrà il mondo nelle mani
Svegliati di buona lena
Forse hai già quello che vuoi

Trenta, quaranta, cinquanta
Mitragliatrice canta
A tenore
Tutti seduti giù per terra

Quaranta, cinquanta, cinquantuno
Ferite di coltello
Nel cuore
Tutti seduti giù per terra
Bambini nella guerra

 
Testi

11. Pitzinnos in sa gherra
 

Frore In Su Nie

(Sardo)

Che foza in su ‘entu so deo,
che frore in su nie.
Comente nue in custos chelos,
raidos de abba e de anneos.

Deo chena caminu e cun meda oriolos,
deo chena respetu e chena “mie”.

Chentu disizos asie,
chentu pensamentos
chentu ‘ortas cada die.
Milli e unu die asie,
milli testamentos,
milli e unu pentimentos.

Sa notte colet fuinde,
currende che sos sonnios meos.
Sa notte colet fachende
occhider’ sos inimicos meos.

Deo intr’e sos silentzios ‘e Deus,
intro ‘e su coro meu.
Sas manos ‘alu unidas, asie
chi parent in pregatoria.
Deo contr’e su tempus, su tempus contr’a mie,
deo comente frore in su nie.

Cento desideri miei,
cento pentimenti,
cento volte insieme a te.
Mille e un giorno ancora qui,
mille testamenti,
mille volte insieme a te.

…e non ci lasceremo mai
in questo o all’altro mondo
…e non ci stancheremo mai
nel cielo più profondo.

Chentu disizos asie,
chentu pensamentos,
chentu ‘ortas cada die.
Milli e unu die asie,
milli testamentos,
milli e unu supra a mie…

…e non ci lasceremo mai
in questo o all’altro mondo
…e non ci stancheremo mai
nel cielo più profondo.
…e non ci perderemo mai
nel buio dentro il sogno
…e non ci lasceremo mai

insieme fino in fondo.

 
Testi

12. Frore in su nie
 

Il popolo rock

(Sardo)

Sono aggressivi ma è meglio così,
sono cattivi, lasciamoli sfogare.
Quelli passivi che dicon sempre ‘si’,
son più nocivi, non si san manifestare.
Sugli stivali ci son gatti da pelare,
ma chi ha paura ha la coda di paglia.
Sotto i capelli c’è un animoso essere,
leggero, insostenibile ma non una canaglia.

Il popolo, il popolo, il popolo rock,
ama il Boss, ama Vasco, ama Piero.
Il popolo, il popolo, il popolo rock,
ama il sesso, la musica, il mistero.
Il popolo, il popolo vero
odia, è molto tibelle ma sincero.

Su quattromila sopra un prato forse
duecento diverranno avvocati,
quattro soli moriranno di overdose
ed altri quattro diverranno avvocati.
Se sono tanti brillano gli orecchini,
i tatuaggi, il chiodo, le canne.
Se sono tanti e non sono più bambini,
amano il watt e non le ninne nanne.

Il popolo, il popolo, il popolo rock,
ama il Boss, ama Vasco, ama Piero.
Il popolo, il popolo, il popolo rock,
ama il sesso, la musica, il mistero.
Il popolo, il popolo vero
ama, è molto tibelle ma sincero.

Il popolo rock odia i politici,
storia melense, noiose istituzioni.
In mezzo a loro ci sono critici
e fanno recensioni seza raccomandazioni.
Su diecimila c’è anche un assassino
e c’è la madre di un futuro presidente.
Se quella notte loro vanno a letto insieme il destino
trasforma casualmente un perdente in un vincente.

Populus, populus, populus rock,
populus, populus, populus rock.

Siamo come siete,
siete come siamo,
siamo come meritiamo,
siate sempre come vi pare.

El pueblo, el pueblo, el pueblo rock.

Felice il popolo
che non ha bisogno di eroi.

People, people, the young rock people.

Sono stato un presidente onesto
al servizio del popolo italiano.

Su populu, su populu, su populu rock.

Tancas serradas a muru,
fattas a s’afferra-affera,
si su chelu fit in terra,
l’haiant serradu puru.

L’haiant serradu puru,
si su chelu fit in terra,
fattas a s’afferra-affera,
tancas serradas a muru.

Il popolo il popolo, il popolo rock.
Il popolo il popolo, il popolo rock.
Il popolo il popolo, il popolo rock.

 
Testi

13. Il popolo rock
 

Sa Dansa

Anninora anninnora sienda mia,
narende de su macchine ‘e s’omine
sas boghes de sa vida currene
a bolu in sas garas de poesias.
Dormi ninnia…

Deo soe minore ma omine de onore
e ponzo a bois cust’urtima cantone,
detzisa e forte che coro ‘e leone,
deo chi, ‘e sa zente mea, so Salvatore.

Cando mi jamas mi faghes onore,
siat festa ‘e santu o de partitu.
S’annu passadu ‘o ‘ennidu,
fiat sa festa ‘e su nostru fiore.

Anninora ‘nninnora frade meu,
attentu a cando tancas sos chizos
chi totu passat e andat a buleu,
liande intro ‘e su coro sos disizos.

Anninora ‘nninnora frade meu,
attentu a cando tancas sos chizos
chi totu passat e andat a buleu,
liande intro ‘e su coro sos disizos.

Gai che Gesù Cristu so in mesu
a bois, Camedda, unu pro ala appesu.
Cun malagana bos do ‘eo sa manu
ma cheria a m’istringher’a pianu.

Fininde, a tie naramus : “ista chietu!
Ite omine ses si faches tejos?
De su dolu nostru appas respettu
e tanca pro piaghere cussos ojos!“.

Anninora ‘nninnora frade meu,
attentu a cando tancas sos chizos
chi totu passat e andat a buleu,
liande intro ‘e su coro sos disizos.

A disora deo canto, sienda mia,
antigos gosos, dillos e ditirambos
pregatorias, muttos e strambottos.
Tue faghes in pache sa ninnia.

A disora deo canto, sienda mia,
antigos gosos, dillos e ditirambos
pregatorias, muttos e strambottos.
Tue faghes in pache sa ninnia.

 
Testi

14. Sa dansa
 

Le Danze Del XX° Secolo

Crescono gli avventurosi flussi transoceanici
di poveri contadini in cerca di fortuna
e mentre muore Umberto I re di Savoia
qualcos’altro nasce, si chiama movimento operaio.
Questa è la prima danza, la danza del quarto stato
e questo è il primo messaggio: L’arte per l’umanità.

Cresce la produzione dell’industria bellica.
si apre l’abbraccio dell’Ansaldo, l’Ilva, la Fiat
e mentre canzoni e poesie parlano di guerra
il mondo si unisce nel modo più triste.
E’ la seconda danza, la danza della propaganda
è il secondo messaggio: Viva Tripoli italiana.

E mentre la democrazia inizia a morire
un vento appiccicoso soffia forte da destra,
poche barricate per arginarne il furore,
ordine nuovo ed il partito popolare.
Questa è la terza danza, la danza a tempo di marcia
e questo è il terzo messaggio: Bonifica integrale.

Nascosti nelle soffitte buie e polverose
gli audaci ed i sovversivi scoprono Radio Londra
e mentre nasce la Balilla, diecimilaottocento lire
l’auto che va finalmente verso il popolo.
Qquesta è la quarta danza, la danza di giovinezza
e questo è il quarto messaggio: Toscanini non la dirige.

Gli artigli minacciosi di uomini perniciosi
puntano senza capire su terre da conquistare,
scoppia come un cocomero caduto da un carrettino
un mondo senza difese ne lacrime per esitare.
Questa è la quinta danza, la danza della Repubblica
e questo è il quinto messaggio: Viva la democrazia.

Risorti dalle ceneri, fedeli al Patto Atlantico,
guardiamo con meraviglia al miracolo economico.
Coppi campione del modo, Trieste italiana
e mentre nasce l’Eni arriva anche la Seicento.
Questa è la sesta danza, la danza di Grazie dei fiori
e questo è il sesto messaggio: Viva la televisione.

E le conquiste delle donne, le conquiste della Nato
la censura ed il sequestro di Je t’aime moi non plus,
la sconfitta dell’Italia, 4 a 1 dal Brasile,
molti non tramonteranno: Kennedy, Hendrix, Luther King.
E’ la settima danza, la danza dei figli dei fiori
è il settimo messaggio: Occupazione ad oltranza.

Le bombe nelle piazze, le bombe sotto i treni,
cresce il movimento, arriva il compromesso,
ora si può abortire e anche divorziare
impazzano le brigate dritte al cuore di Roma.
Questa è l’ottava danza, la danza dell’austerità,
è l’ottavo messaggio: Modica quantità.

Si spunta la vecchia falce, si innalza la nuova quercia,
c’è chi si dissocia e c’è anche chi si pente,
arriva un bastimento di fratelli sfortunati,
ospiti inaspettati in una casa dissestata.
Questa è la nona danza, la danza delle cadute,
questo è il nono messaggio. Italia campione del mondo.

Ormai a questa candela resta poco da bruciare,
solo una piccola luce per un valzer da strisciare,
pensi che staranno bene insieme in questa canzone
un computer americano e le launeddas di Muravera?.
E’ la decima danza, la danza di fine secolo,
è il decimo messaggio: Noi cresceremo.

 
Testi

15. Le danze del XX° secolo
 

Nanneddu (Tradizionale - Elaborazione musicale: Luigi Marielli)

(Sardo)

Nanneddu meu
su mundu est gai
a sicut erat
non torrat mai

Semus in tempos
de tirannias
infamidades
e carestias

Como sos populos
cascant che cane
gridende forte:
“Cherimus pane! “

Famidos, nois
semus pappande
pan’e castanza
terra cun lande

Terra ch’a fangu
torrat su poveru
senz’alimentu
senza ricoveru

Semus sididos
in sas funtanas
pretende s’abba
parimus ranas

Peus su famene
chi, forte, sonat
sa janna a tottus
e non perdonat

Nanneddu meu
su mundu est gai
a sicut erat
non torrat mai

Cuddas banderas
numeru trinta
de binu’onu
mudad’hant tinta

Appenas mortas
cussas banderas
non piùs s’osservant
imbreagheras

Sos tristos corvos
a chie los lassas?
Pienos de tirrias
e malas trassas

E gai chi tottus
faghimus gherra
pro pagas dies
de vida in terra

Nanneddu meu
su mundu est gai
a sicut erat
non torrat mai

Semus in tempos
de tirannias
infamidades
e carestias

Adiosu, Nanni
tenedi contu
faghe su surdu
ettad’a tontu

A tantu, l’ides
su mund’est gai
a sicut erat
non torrat mai

 

(Italiano)

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Viviamo in tempi
di tirannie
infamie
e carestie

Ora il popolo
sbadiglia come un cane
gridando a gran voce:
“Vogliamo pane!”

E noi, affamati
mangiamo
pane e castagne
terra con ghiande

Terra che in fango
riduce il povero
che è senza alimenti
e senza riparo

Siamo assetati
alle fontane
lottando per l’acqua
sembriamo rane

Peggio ancora,la fame
che bussa insistentemente
ad ogni porta
e non perdona

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Quelle trenta cantine
del buon vino erano
come bandiere
ora hanno cambiato colore

Appena spente
quelle bandiere
non si vedono
più persone sbronze

I corvi avidi
a chi li lasci?
Pieni di perfidia
e di inganni

E così tutti
facciamo guerra
per pochi giorni
di vita in terra

Nanneddu mio
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

Viviamo in tempi
di tirannie
soprusi
e carestie

Arrivederci, Nanni
riguardati
fai il sordo
fingi di non capire

Tanto, lo vedi
cosi va il mondo
com’era un tempo
non sarà più

 
Testi

16. Naneddu
 

P.I. 02287380907
 

 
 
previous next
X