Fortza Paris – 1995

Copertina_Sistoria_Tazenda
 

Fortza Paris

(Sardo)

Ae, ae, fuimus attesu dae custu chelu.

Ae, sonamus su nie cheret unu ?passu torrau?.

Malas noas sunt isettande,

malas noas sunt minettande,

bonas noas? Cuadas in su coro ?e coro meu.

Fortza paris diciosa, longa e mala s?andala est.

Fortza paris durche isposa, lassamus su coro in s?est.

Malas noas pro su laore,

malas noas:mancu unu frore

Bonas noas? Liadas in sa notte ?e notte mea.

Chimbe chidas, chimbe…

pro arribare ube?

Ma si ti nde osas

est un?atera cosa.

Amus a colare asie,

liberos che duos aeres.

Malas noas nocche imbenuiant,

malas noas nocche distruint.

Bonas noas? Dormidas in su coro ?e coro meu.

Duas dies, duas…

liudas animas.

Ei si ch?indeosamus

tando bi semus.

Amus a colare asie,

liberos che suos aeres.

Fortza paris, ae, ae, bolamus in chelos noos.

Fortza paris, eande, eande, sighimus destinos noos.

Fortza paris, ae, ae, bolamus in chelos noos.

Fortza paris, eande, eande, sighimus destinos noos.

Malas noas sunt morigande,

malas noas sunt olvidande.

Bonas noas? Ischidadas dae su sole ?e sole meu.

 
Testi

1. Fortza Paris
Tazenda  

Rios De Alenos

(Sardo)

Deo so sos pes meos,
soe so benujos meos,
soe sas cambas meas,
soe sas ancas meas,
soe su ‘entre meu,
soe s’imbilicu meu,
soe sos brazos meos,
soe sas manos meas,
soe sas palas meas,
deo so su coro meu.

So su pettu meu,
soe su tuju meu,
soe s’ischina mea,
soe sos fiancos meos,
soe sos ossos meos,
soe sas naticas meas,
soe su carveddu meu,
soe su sambene meu,
soe sos zenitales meos,
deo so s’alenu meu.

Un alenu che unda intr’a mie
dae sa fornte fintzas a sos pes.
Un alenu che nue fuit ‘ia
e incontrat un’atera nue
supra rios, montes, notte e die.

Soe sos pilos meos,
soe sa fronte mea,
soe sos chizos meos,
soe sas origras meas,
soe sos ogros meos,
so su nare meu,
soe sas pinnas meas,
soe sas laras meas,
so sa bula mea,
deo so sa limba mea.

Un alenu che unda intr’a mie
dae sa fronte fintzas a sos pes.
Un alenu che nue fuit ‘ia
e incontrat un’atera nue
supra rios, montes, notte e die.

Deo so sa carena mea
deo so s’ispiritu meu et intr’a mie…
rios de alenos.

Rios de alenos.
Son le mani mie,
sono gli occhi miei, / rios de alenos
sono il cuore mio,
sono il sangue mio,
sono il respiro mio,
son lo spirito mio,
sono i genitali miei, / rios de alenos
son le mani.
Son le mani mie,
sono gli occhi miei, / rios de alenos
sono il cuore mio,
sono il sangue mio,
sono il respiro mio,
son lo spirito mio,
sono i genitali miei,
deo so sa limba mea.

 
Testi

2. Rios de alenos
Tazenda  

Unu, Duos, Tres

Unu, duos, tres, battor, chimbe, sese
passu-passu, issu arribesit addae…
unu, duos, trese,
issu arribesit addae,
ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae…

Passu-passu, issu arribesit addae
unu, duos, tres, battor, chimbe, sese,
issu arribesit addae,
battor, chimbe, sese,
ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae…

Oh, oh, sididu soe
fachemi biere a sa funtana de sa vida
fachemi biere
ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae…

Time-time, die-die, notte-notte
sartia-sartia, feri-feri, mori-mori
unu, tres, chimbe,
issu arribesit addae,
ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae…

Oh, oh, famidu soe,
fachemi setzire a sa banca manna ‘e sa vida,
fachemi setzire.
Ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae…

Ma sa veridad’ est ch’issu no andesit a locu,
ma in su viadzu sou meda cosa imparesit.

Oh, oh, sididu soe
fachemi biere a sa funtana de sa vida
fachemi biere.
Ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae…

Unu, duos, tres, battor, chimbe, sese,
passupassu, issu arribesit addae…
unu, duos, trese,
battor, chimbe, sese,
ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae,
ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae,
ebbeninde, ebbeninde, arribesit addae.

 
Testi

3. Uno duos tres
Tazenda  

La Nuova Religione

Pregando al mattino di un cielo sereno,
leggendo maestri di spirito indian,o
smorfiando alla morte in un attimo nero,
sbagliando le scelte di uomo sincero.

Cercando il divino nell’aria di pioggia,
amando l’autunno e l’odore dei funghi,
trovando un riparo in un’antica loggia,
seguendo nel cielo i suoi passi più lunghi.

La nuova religione
è una tentazione
o un’altra delusione
di una generazione.

Pensando più a fondo a una vita infinita,
lottando contesi da forze nascoste,
pagando i sospesi di una vita sbagliata,
contando gli errori, le fragili soste.

Chiedendo a qualcuno un aiuto, una mano,
soffiando nel grigio di piombo a Dublino,
sperando in un giorno più caldo, lontano,
nascendo c’è un fiore che odora di Dio.

La nuova religione
è una tentazione
o un’altra delusione
di una generazione.

La nuova religione
è una provocazione
o una benedizione
alla rivoluzione.

 
Testi

4. La nuova religione
Tazenda  

Procurade de moderare

(Sardo)

Procurade de moderare

barones, sa tirannia

chi si no, pro vida mia

torrades a peí in terra!

Declarada est gi‡ sa gherra

contra de sa prepotenzia

e cominza sa passienzia

in su pobulu a mancare

Mirade chíest azzendende

contra de ëois su fogu

mirade chi no Ë giogu

chi sa cosa andat ëe veras

Mirade chi sas aeras

minettana temporale

zente consizzada male

iscultade sa ëoghe mia

Procuradííe moderare, barones, sa tirannia

procuradííe moderare, barones, sa tirannia

Su pobulu chi in profundu

letargu fií sepultadu

finalmente despertadu

síabbizzaí chíest in cadena

chíistaí suffrende sa pena

de síindolenzia antiga

feudu, legge inimiga

a bona filosofia

Deghe o doighi familias

síhan partidu sa Sardigna

de una manera indigna

si nde sun fattas pobiddas

Divididu síhan sas biddas

in sa zega antighidade

perÚ sa presente edade

lu pensat rimediare

Procuradííe moderare, barones, sa tirannia

procuradííe moderare, barones, sa tirannia

procuradííe moderare, barones, sa tirannia

procuradííe moderare, barones, sa tirannia

Issos dae custa terra

chíhana ëogadu miliones

Malaitu cuddu logu

chi creiaí tale zenia!

Procuradííe moderare

barones, sa tirannia

chi si no, pro vida mia

torrades a peí in terra!

Declarada est gi‡ sa gherra

contra de sa prepotenzia

e cominza sa passienzia

in su pobulu a mancare

Barones, sa tirannia

barones, sa tirannia

barones, sa tirannia

barones, sa tirannia

Procuradííe moderare, barones, sa tirannia

procuradííe moderare, barones, sa tirannia

procuradííe moderare, barones, sa tirannia

procuradííe moderare, barones, sa tirannia…

 

(Italiano)

Cercate di moderare

baroni, la tirannia

che se no, per la mia vita

tornate a piedi in terra

Dichiarata Ë gi‡ la guerra

contro la prepotenza

e comincia la pazienza

nel popolo a venir meno

Badate che si sta levando

contro di voi líincendio

badate che non Ë un gioco

che la cosa diventa realt‡

Badate che líaria

minaccia temporale

gente mal consigliata

ascoltate la mia voce

Cercate di moderare, baroni, la tirannia

cercate di moderare, baroni, la tirannia

Il popolo che in profondo

letargo era sepolto

finalmente svegliatosi

síaccorge chíe in catena

che sta soffrendo la conseguenza

della sua antica indolenza

feudo, legge nemica

a una buona filosofia

Dieci o dodici famiglie

si son divise la Sardegna

in una maniera indegna

se ne son fatte padrone

Diviso hanno i villaggi

fin dalla cieca antichit‡

perÚ líet‡ del presente

pensa di porvi rimedio

Cercate di moderare, baroni, la tirannia

cercate di moderare, baroni, la tirannia

cercate di moderare, baroni, la tirannia

cercate di moderare, baroni, la tirannia

Loro da questa terra

ne hanno cavato milioni

Maledetto il paese

che crea una genÏa simile

Cercate di moderare

baroni, la tirannia

che se no, per la mia vita

tornate a piedi in terra!

Dichiarata Ë gi‡ la guerra

contro la prepotenza

e comincia la pazienza

nel popolo a venir meno

Baroni, la tirannia,

baroni, la tirannia,

baroni, la tirannia,

baroni, la tirannia.

Cercate di moderare, baroni, la tirannia

cercate di moderare, baroni, la tirannia

cercate di moderare, baroni, la tirannia

cercate di moderare, baroni, la tirannia…

 
Testi

5. Procurare de moderare
Tazenda  

Le Danze Del XX° Secolo

Crescono gli avventurosi flussi transoceanici
di poveri contadini in cerca di fortuna
e mentre muore Umberto I re di Savoia
qualcos’altro nasce, si chiama movimento operaio.
Questa è la prima danza, la danza del quarto stato
e questo è il primo messaggio: L’arte per l’umanità.

Cresce la produzione dell’industria bellica.
si apre l’abbraccio dell’Ansaldo, l’Ilva, la Fiat
e mentre canzoni e poesie parlano di guerra
il mondo si unisce nel modo più triste.
E’ la seconda danza, la danza della propaganda
è il secondo messaggio: Viva Tripoli italiana.

E mentre la democrazia inizia a morire
un vento appiccicoso soffia forte da destra,
poche barricate per arginarne il furore,
ordine nuovo ed il partito popolare.
Questa è la terza danza, la danza a tempo di marcia
e questo è il terzo messaggio: Bonifica integrale.

Nascosti nelle soffitte buie e polverose
gli audaci ed i sovversivi scoprono Radio Londra
e mentre nasce la Balilla, diecimilaottocento lire
l’auto che va finalmente verso il popolo.
Qquesta è la quarta danza, la danza di giovinezza
e questo è il quarto messaggio: Toscanini non la dirige.

Gli artigli minacciosi di uomini perniciosi
puntano senza capire su terre da conquistare,
scoppia come un cocomero caduto da un carrettino
un mondo senza difese ne lacrime per esitare.
Questa è la quinta danza, la danza della Repubblica
e questo è il quinto messaggio: Viva la democrazia.

Risorti dalle ceneri, fedeli al Patto Atlantico,
guardiamo con meraviglia al miracolo economico.
Coppi campione del modo, Trieste italiana
e mentre nasce l’Eni arriva anche la Seicento.
Questa è la sesta danza, la danza di Grazie dei fiori
e questo è il sesto messaggio: Viva la televisione.

E le conquiste delle donne, le conquiste della Nato
la censura ed il sequestro di Je t’aime moi non plus,
la sconfitta dell’Italia, 4 a 1 dal Brasile,
molti non tramonteranno: Kennedy, Hendrix, Luther King.
E’ la settima danza, la danza dei figli dei fiori
è il settimo messaggio: Occupazione ad oltranza.

Le bombe nelle piazze, le bombe sotto i treni,
cresce il movimento, arriva il compromesso,
ora si può abortire e anche divorziare
impazzano le brigate dritte al cuore di Roma.
Questa è l’ottava danza, la danza dell’austerità,
è l’ottavo messaggio: Modica quantità.

Si spunta la vecchia falce, si innalza la nuova quercia,
c’è chi si dissocia e c’è anche chi si pente,
arriva un bastimento di fratelli sfortunati,
ospiti inaspettati in una casa dissestata.
Questa è la nona danza, la danza delle cadute,
questo è il nono messaggio. Italia campione del mondo.

Ormai a questa candela resta poco da bruciare,
solo una piccola luce per un valzer da strisciare,
pensi che staranno bene insieme in questa canzone
un computer americano e le launeddas di Muravera?.
E’ la decima danza, la danza di fine secolo,
è il decimo messaggio: Noi cresceremo.

 
Testi

6. Le danze del XX° secolo
Tazenda  

Cresceremo

(Italiano)

Cresceremo con le speranze inesplose nelle mani,
cresceremo per le esigenze di oggi e di domani.
Cambieremo le idee nebulose di chi ha pianto
cambieremo le filosofie di quanti hanno sbagliato.
Impareremo le regole più difficili di un mondo,
impareremo a sconfiggere i conflitti fino in fondo.
Saliremo sul quel podio che ci aspetta ancora vuoto,
saliremo per quelle scale della vita come un voto.

Perderemo dentro i giornali scritti da chi non ha perso,
perderemo dentro le fabbriche con chi non si è mai arreso.
Piangeremo per gli operai che piangono meglio di noi,
piangeremo addosso ai ricchi che si vestono da eroi.

Scoperemo col pensiero non ancora proibito,
scoperemo con la gioia di chi sta facendo un rito.
Mischieremo come fiumi che irrompono nei mari,
mischieremo i nostri vecchi e luridi denari.
Cresceremo con la rabbia di chi non è andato via,
cresceremo come polli numerati nella stia.
Cambieremo le pretese dei padroni grassi e froci,
cambieremo fra l’odore del letame insieme ai porci.

Impareremo a rileggere la storia piano piano,
impareremo a rimpiangere il concetto di cristiano.
Saliremo sulle valli dei nostri tempi duri,
saliremo su pianeti oscuri ma un pò più sicuri.

Perderemo una vita per cercare qualcosa,
perderemo quell’amore che ci unisce ad ogni cosa.
Piangeremo per le vittime di ingiustizie sociali,
piangeremo per film di storie attuali, anche banali.

Scoperemo le donne della vecchia aristocrazia,
scoperemo con le figlie della nuova borghesia.
Mischieremo le razze dall’Italia all’Albania,
mischieremo le carte per la prossima utopia.

 
Testi

7. Cresceremo
Tazenda  

Bonas Noas

(Sardo)

Da cal’alas ant a benner’ bonas noas,
cale bentu at a nocche jugher pro sa coa?
In cal’annu at a benner’ su benidore?
Fintzas a cando amus a leare su laore?
Da cal’alas ant a benner’ rimas noas?
Da Macumere, Tonara, Othieri o Biddanoa?

Chie, at a narrer’ de chervas melineddas
chi current subra de birdes tiazas?
Chie at a iscrier’ de coloradas ambiddas
chi brincant subra ‘e arghenteddos trainos?
Chie at a addorojare contro ‘e sa justizia,
chi no podet fagher’ fizos e fizastros?
Chie, at a fagher’ moderare sa tirannia, sa tirannia
in custu chelu de abbiles e de alibeddes?

Da cal’alas ant a benner’ bonas noas,
cale bentu at a nocche jugher pro sa coa?
In cal’annu at a benner’ su benidore?
Fintzas a cando amus a leare su laore?
Da cal’alas ant a benner’ rimas noas?
Da Macumere, Tonara, Othieri o Biddanoa?

D’addae ant a bennere
bonas noas, bonas noas, bonas noas.
D’addae ant a bennere
bonas noas, bonas noas, bonas noas.

Chie, cun su coro balla-balla e proa-proa
at a jugher, gesocanno!, bonas noas?
Chie, cun manos lizeras e sintzeras
at a faghere naschere rimas noas?
Chie at a narrer’ gherra, gherra a s’egoismu, a s’egoismu
e a sos oppressores gherra, gherra?
Chie at a narrer’ a terra su dispotismu, su dispotismu
e a sos malos usos a terra, a terra… a terra, a terra?

Da cal’alas ant a benner’ bonas noas
cale bentu at a nocche jugher pro sa coa?
In cal’annu at a benner’ su benidore?
Fintzas a cando amus a leare su laore?
Da cal’alas ant a benner’ rimas noas?
Da Macumere, Tonara, Othieri o Biddanoa?

Puru dismajada, a cola chijina,
frisca, late-late, tosta che codina,
a totu cantos faghet bene una poesia.
Malaitta e bera, a santu frigulinu
o meda caente, a sisinu-sisinu,
pro cada unu b’est una galana e simplitze poesia.

Puru dismajada, a cola chijina,
frisca, late-late, tosta che codina,
a totu cantos faghet bene una poesia.
Malaitta e bera, a santu frigulinu
o meda caente, a sisinu-sisinu,
pro cada unu b’est una galana e simplitze poesia.

Da cal’alas ant a benner’ bonas noas
cale bentu at a nocche jugher pro sa coa?
In cal’annu at a benner’ su benidore?
Fintzas a cando amus a leare su laore?
Da cal’alas ant a benner’ rimas noas?
Da Macumere, Tonara, Othieri o Biddanoa?

Bonas noas, bonas noas, bonas noas!

 
Testi

8. Bonas Noas
Tazenda  

Vita Sporca

A un passo dal mondo eri solo una sorpresa
pulito, innocente, scalciante e curioso,
a un metro da terra eri anche un dolore
la voglia di essere, uscire ed urlare.

Nel centro del cielo sei come una cometa
veloce, splendente nella schiena della sera,
un piccolo re col suo piccolo regno
pegno da rendere e non da disperdere.

Vita sporca, vita complicata
per quattro lire stanotte ti vendi anche tu
e come un angelo tendi la mano… a una
vita sporca, vita rovinata,
per un pò di tutto stanotte ti spogli anche tu
e come un asino baci la mano…

Sbagliare col cuore può anche far bene
ma se picchi troppo puoi anche scoppiare,
godere di tutto e per niente sapere
cos’è questa storia quand’è l’imbrunire.

Vita sporca, vita dissestata,
per una donna stanotte ti spogli anche tu
e come un libro ti chiudi finito… è una
vita sporca, vita già vissuta,
per troppa voglia di vivere muori anche tu
e come un libro ti chiudi finito…

Ospite allegro del mondo, tu cogli una rosa
la schiacci, la sputi, non senti il profumo che emana,
il mistero che cela, e la grande magia scivola via.

Vita sporca, vita complicata
per quattro lire stanotte ti vendi anche tu
e come un angelo tendi la mano… a una
vita sporca, vita dissestata,
per una donna stanotte ti spogli anche tu
e come un libro ti chiudi finito.

 
Testi

9. Vita Sporca
Tazenda  

Frore In Su Nie

(Sardo)

Che foza in su ‘entu so deo,
che frore in su nie.
Comente nue in custos chelos,
raidos de abba e de anneos.

Deo chena caminu e cun meda oriolos,
deo chena respetu e chena “mie”.

Chentu disizos asie,
chentu pensamentos
chentu ‘ortas cada die.
Milli e unu die asie,
milli testamentos,
milli e unu pentimentos.

Sa notte colet fuinde,
currende che sos sonnios meos.
Sa notte colet fachende
occhider’ sos inimicos meos.

Deo intr’e sos silentzios ‘e Deus,
intro ‘e su coro meu.
Sas manos ‘alu unidas, asie
chi parent in pregatoria.
Deo contr’e su tempus, su tempus contr’a mie,
deo comente frore in su nie.

Cento desideri miei,
cento pentimenti,
cento volte insieme a te.
Mille e un giorno ancora qui,
mille testamenti,
mille volte insieme a te.

…e non ci lasceremo mai
in questo o all’altro mondo
…e non ci stancheremo mai
nel cielo più profondo.

Chentu disizos asie,
chentu pensamentos,
chentu ‘ortas cada die.
Milli e unu die asie,
milli testamentos,
milli e unu supra a mie…

…e non ci lasceremo mai
in questo o all’altro mondo
…e non ci stancheremo mai
nel cielo più profondo.
…e non ci perderemo mai
nel buio dentro il sogno
…e non ci lasceremo mai

insieme fino in fondo.

 
Testi

10. Frore in su nie
Tazenda  

P.I. 02287380907
 

 
 
previous next
X