Bios – 2001

Copertina_Sistoria_Tazenda
 

Limba (L.Marielli)

(Sardo)

Limba, limba
Itte simple giogu
Nois faeddamus, nois cantamus
Limba, limba
In paris o solos
Addorojamus, fortzis pregamus
Limba, limba
Intro sas domos, intro sos coros
Intro sas laras

Limba, limba
Limba, limba

La juchent sos poetas
Pro bincher sas demasias
La juchent sos politicos
Pro facher feas poesias
La juchent sos populos ‘alu incatzados
Totu ana una limba
La moent sos canes affamados
Ei puru sos corvos! Itte limba!

Limba, limba
Sa ‘oghe ‘e s’anima
Non la bocchimus, non la irmenticamus
Limba, limba
Sa ‘oghe ‘e su mundu
Rantzica o durche, mendula o murta
Limba, limba
Pro mandicare, pro basos dare
Pro frastimare

Limba, limba

La juchent sos faularzos
Ei totu cuddas zenias
La juchent sos politicos
Pro narrer paristorias
La juchent sos populos chena bandera
Totu ana una limba
La moet su sole, la moet sa luna
E su mundu…sa limba

Ei sas limbas malas
Una die ant a tzessare
Et cuddu gama ‘e maccos
Chi ‘occhidene sa zente
Una die ant a si cagliare
Cun sa malaitta limba

 

(Italiano)

Lingua, lingua
Che semplice gioco
Noi parliamo, noi cantiamo
Lingua, lingua
Insieme o da soli
Urliamo, forse preghiamo
Lingua, lingua
Dentro le case, dentro i cuori
Dentro le labbra

Lingua, lingua
Lingua, lingua

Ce l’hanno i poeti
Per vincere gli eccessi
Ce l’hanno i politici
Per fare brutte poesie
Ce l’hanno i popoli ancora incazzati
Tutti hanno una lingua
La muovono i cani affamati
E pure i corvi! Che lingua!

Lingua, lingua
La voce dell’anima
Non la uccidiamo, non la dimentichiamo
Lingua, lingua
La voce del mondo
Aspra o dolce, mandorla o mirto
Lingua, lingua
Per mangiare, per dare baci
Per bestemmiare

Lingua, lingua

Ce l’hanno i bugiardi
E tutta quella specie
Ce l’hanno i politici
Per raccontare favole
Ce l’hanno i popoli senza bandiera
Tutti hanno una lingua
La muove il sole, la muove la luna
Ed il mondo…la lingua

E le malelingue
Un giorno finiranno
E quel gregge di matti
Che uccidono la gente
Un giorno taceranno
Con la maledetta lingua

 
Testi

1. Limba
Tazenda  

Disamparados (L.Marielli)

(Sardo)

Notte ‘e anneu
Chena una lumera
E in coro meu
No b’at un’ispera
Mì sa die
Chi istoccad’ una nue
E rie – rie
Beni’ innoe… Beni’ intonende unu dillu…
Beni’ intonende unu dillu…

In sos muntonarzos, sos disamparados
Chirchende ricattu, chirchende
In mesu a sa zente, in mesu
A s’istrada dimandende
Sa vida s’ischidat pranghende

Bois fizos ‘e niunu
Chin sos annos irmenticados
Tue nd’has solu chimbantunu
Ma parent chent’annos

Dae sos muntonarzos de sa tziviltade
Sa ‘oghe ‘e sos disamparados
Ponimus una cantone
Ei chena alenu picare
Cantamus pro no irmenticare

Bois jajos ‘e niunu
Chin sos annos irmenticados
Sa vida ue bos at juttu?
In sos muntonarzos!

Coro meu
Fuente ‘ia, gradessida
Gai puru deo
Potho bier a sa vida
Mì sa die
Chi istoccad’ una nue
E rie – rie
Beni’ innoe… Beni’ intonende unu dillu…
Beni’ intonende unu dillu…

Nois fizos ‘e niunu
In sos annos irmenticados
Sa vida ue nos hat juttu?
In sos muntonarzos!

 

(Italiano)

Notte d’affanno
Senza una luce
E nel mio cuore
Non c’è speranza
Ecco il giorno
Che trafigge una nuvola
E ridendo
Arriva fin qui… Viene intonando un dillo…
Viene intonando un dillo…

Negli immondezzai, gli abbandonati
Cercando da mangiare, cercando
In mezzo alla gente, in mezzo
Alla strada chiedendo
La vita si sveglia piangendo

Voi figli di nessuno
Negli anni dimenticati
Tu ne hai solo cinquantuno
Ma sembrano cent’anni

Dagli immondezzai della civiltà
La voce degli abbandonati
Scriviamo una canzone
E senza prendere respiro
Cantiamo per non dimenticare

Voi nonni di nessuno
Con gli anni dimenticati
Dove vi ha portato la vita?
Negli immondezzai!

Cuore mio
Fonte viva, gradita
Così anch’io
Posso bere alla vita
Ecco il giorno
Che trafigge una nuvola
E ridendo
Arriva fino a qui…Viene intonando un dillo…
Viene intonando un dillo…

Noi figli di nessuno
Negli anni dimenticati
Dove ci ha portato la vita?
Negli immondezzai!

 
Testi

2. Disamparados
Tazenda  

Sa festa (L.Marielli)

(Sardo)

Una die ‘e nie
In su coro ‘e sa Sardinia
Un’atera die
Chena sa cara mia
Unu sero ‘e nie
E “chi s’urtimu siat!”
Una notte ‘e nie

Sas zente riet
In Orgosolo, in Orune
L’intendo a chie
Preghende pro niune
Est intr’ a mie
Amigu che unu cane
Una die ‘e nie

Sa festa, sa festa, sa festa
Est cumprida, sa festa
Prima ‘e cumintzare
Pro chie non podet cantare

Santu Jubanne
De sa Barbagia re
M’est cunsizande
A micche falare
Santu Jubanne
De sa Barbagia re
In custa die ‘e nie

Su ‘entu trazat
‘oghes ‘e allegria
In custa cussorza
Bianca de traschia
Su ‘entu trazat
Fintzas a innoe, Maria
In custa die ‘e nie

Sa festa, sa festa, sa festa
Est cumprida, sa festa
Prima ‘e cumintzare
Pro chie non podet cantare

Una die ‘e nie
In su coro ‘e sa Sardinia
Un’atera die
Chena sa cara mia
Unu sero ‘e nie
E “chi s’urtimu siat”
Una notte ‘e nie

 

(Italiano)

Un giorno di neve
Nel cuore della Sardegna
Un altro giorno
Senza la mia faccia
Una sera di neve
E “che sia l’ultima!”
Una notte di neve

La gente ride
Ad Orgosolo, ad Orune
Lo sento chi
Pregando per nessuno
E’ dentro di me
Amico come un cane
Un giorno di neve

La festa, la festa, la festa
E’ finita, la festa
Prima di cominciare
Per chi non può cantare

Monte San Giovanni
Re della Barbagia
Mi sta consigliando
Di scendere giù
Monte San Giovanni
Re della Barbagia
In questo giorno di neve

Il vento trascina
Voci di allegria
In questa campagna
Bianca di foschia
Il vento trascina
Fin qui, Maria
In questo giorno di neve

La festa, la festa, la festa
E’ finita, la festa
Prima di cominciare
Per chi non può cantare

Un giorno di neve
Nel cuore della Sardegna
Un altro giorno
Senza la mia faccia
Una sera di neve
E “che sia l’ultima!”
Una notte di neve

 
Testi

3. Sa festa
Tazenda  

Pitzinnos in sa gherra (L.Marielli-F.De Andrè / L.Marielli)

(Sardo)

Si sese de mutria mala
Morigande in sos pensamentos
E lestra de su grecu s’ala
Ispinghet ecos de lamentos
Brinca sos trabentos
Ei bessi dae su ludu
Puru si non as a ottenner bantos
Proa a dare un’azudu

No iscurtes sas muidas
Lassa puru sas peadas
Sa tristessa commo este luida
E de realidade aundada

Arantzos in bucca a sos pitzinnos
A sa muda in sa rena, setzidos
Fusileddos in sa pala
Pedras in sa bertula
Issoso cherent una terra
Pitzinnos in sa gherra

Su destinu in sos isteddos
(falet subra a sos piseddos)
Est drommende a bentre a chelu
(un’ateru chelu pro lentolu)

Tue brinca sos trabentos
Ei bessi dae su ludu
Puru si non as a ottener bantos
Proa a dare un’azudu

Fintzas a cando sa pena
Su mundu in sas manos at a aere
Ischida∙ticche in bona lena
Fortzis gia giuches su chi cheres

Trenta, quaranta, cinquanta
Mitragliatrice canta
A tenore
Tutti seduti giù per terra

Quaranta, cinquanta, cinquantuno
Ferite di coltello
Nel cuore
Tutti seduti giù per terra
Pitzinnos in sa gherra

 

(Italiano)

Se sei di cattivo umore
Rimestando nei pensieri
E la veloce ala del grecale
Spinge echi di lamenti
Evita i precipizi

Ed esci dal fango
Anche se non otterrai riconoscimenti
Prova a dare un aiuto

Non ascoltare i fruscii
Lascia pure le impronte
La tristezza adesso è redenta
E di realtà inondata

Arance in bocca ai bambini
In silenzio nel terriccio, seduti
Fucilini in spalla
Pietre nella bisaccia
Loro vogliono una terra
Bambini nella guerra

Il destino nelle stelle
(scenda sopra ai bambini)
Sta dormendo a pancia all’aria
(un altro cielo per lenzuolo)

Tu evita i precipizi
Ed esci dal fango
Anche se non otterrai riconoscimenti
Prova a dare un aiuto

Fino a quando il dolore
Avrà il mondo nelle mani
Svegliati di buona lena
Forse hai già quello che vuoi

Trenta, quaranta, cinquanta
Mitragliatrice canta
A tenore
Tutti seduti giù per terra

Quaranta, cinquanta, cinquantuno
Ferite di coltello
Nel cuore
Tutti seduti giù per terra
Bambini nella guerra

 
Testi

4. Pitzinnos in sa gherra
Tazenda  

Preghiera semplice (L.Marielli)

(Sardo)

Dansat sa majalza
Sa majalza dansat
Archimissa in sas manos

Ballu, ballu tundu
Abbatticamus su mundu
Brincamus che indianos

Sa vida, sa sorte, su nuscu ‘e sa terra mia
Sa muida ‘e sa morte, sas dudas mias

Se un’altra volta ancora quella luce splenderà
Ci sentiremo un po’ più uniti, nei fiumi e nei granai
Ma inevitabilmente un nuovo giorno nascerà
E per la storia ancora guai
Se lei…si spegnerà

Oh Lord, you lead me, oh Lord
Oh Lord, you lead me, oh Lord
Oh Lord, oh Lord!

Dansat sa majalza
Sa majalza dansat
Licarissu in sas laras

Malu, malu mundu
Brincamus in ballu tundu
Pregamus che africanos

Sa vida, sa sorte, su nuscu ‘e sa terra mia
Sa muida ‘e sa morte, sas dudas mias

Se un’altra volta ancora quella luce splenderà
Ci sentiremo più vicini, a deserti e ghiacciai
Ma inevitabilmente un nuovo giorno nascerà
Per certa gente sempre ed altra mai
…si spegnerà

Una preghiera semplice può darti tanto
Ma non illuderti all’incanto
Che lei t’infonderà
Una preghiera semplice ti può aiutare
Ma non fermarti ad aspettare
Così…si spegnerà

Nàm – myo – hò – rénge – kyò
Nàm – myo – hò – rénge – kyò

 

(Italiano)

Danza la maliarda
La maliarda danza
Spigo nelle mani

Ballo, ballo tondo
Calpestiamo il mondo
Saltiamo come indiani

La vita, il destino, l’odore della mia terra
Il ronzio della morte, i miei dubbi

Se un’altra volta ancora quella luce splenderà
Ci sentiremo un po’ più uniti, nei fiumi e nei granai
Ma inevitabilmente un nuovo giorno nascerà
E per la storia ancora guai
Se lei…si spegnerà

Oh Signore, guidami tu, oh Signore
Oh Signore, guidami tu, oh Signore
Oh Signore, oh Signore!

Danza la maliarda
La maliarda danza
Liquirizia nelle labbra

Cattivo, cattivo mondo
Saltiamo in ballo tondo
Preghiamo come africani

La vita, il destino, l’odore della mia terra
Il ronzio della morte, i miei dubbi

Se un’altra volta ancora quella luce splenderà
Ci sentiremo più vicini, a deserti e ghiacciai
Ma inevitabilmente un nuovo giorno nascerà
Per certa gente sempre ed altra mai
…si spegnerà

Una preghiera semplice può darti tanto
Ma non illuderti all’incanto
Che lei t’infonderà
Una preghiera semplice ti può aiutare
Ma non fermarti ad aspettare
Così…si spegnerà

Mi dedico alla mistica legge di causa ed effetto
Mi dedico alla mistica legge di causa ed effetto

 
Testi

5. Preghiera semplice
Tazenda  

 

6. Carrasecare
Tazenda  

Sa Mama 'e su sole (L.Marielli)

(Sardo)

Pitzinna istes in domo
Fintzas a sas battoro
In fora b’este sa Mama ‘e su sole
A chentottanta grados
Ruju che una cariasa
Ti poden salvare solu sos chercos
Andamus a drommire
Amus a iscurtare
Chigulas chertende in mesu a unu melu
Su coro ‘e Limbara chi alena’ in su chelu
Iscur’ a tie, iscur’ a chie
Non creet in sa Mama ‘e su sole
A mesudie, beranu e istiu
Fora b’est sa Mama ‘e su sole
Pitzinnu istes in domo
E tanca sas ventanas
In fora b’este sa Mama ‘e sa luna
A chentottanta grados
Gialla che unu limone
Ti poden salvare solu “sos ferros”
Andamus a drommire
Amus a sonniare
Un’atteru tempu, un’attera vida
Cand’ onzi pitzinnu, unu pitzinnu fidi
Iscur’ a tie, iscur’ a chie
Non creet in sa Mama ‘e su sole
Iscur’ a tie, iscur’ a chie
Non creet in sa Mama ‘e su sole

 

(Italiano)

Bambina rimani in casa
Fino alle quattro
Fuori c’è la Mamma del sole
A centottanta gradi
Rosso come una ciliegia
Ti possono salvare solo le querce
Andiamo a dormire
Ascolteremo
Cicale litigando in mezzo a un melo
Il cuore del Limbara che respira nel cielo
Povero te, povero chi
Non crede alla Mamma del sole
A mezzogiorno, in primavera ed estate
Fuori c’è la Mamma del sole
Bambino rimani in casa
E chiudi le finestre
Fuori c’è la Mamma della luna
A centottanta gradi
Gialla come un limone
Ti possono salvare solo “le pistole”
Andiamo a dormire
Sogneremo
Un altro tempo, un’altra vita
Quando ogni bambino era un bambino
Povero te, povero chi
Non crede alla Mamma del sole
Povero te, povero chi
Non crede alla Mamma del sole

 
Testi

7. Sa mama 'e su sole
Tazenda  

 

8. Mamojada
Tazenda  

Non la giamedas Maria (L.Marielli)

(Sardo)

S’andala ‘e sa vida
Nos perdonet sos errores
Attesu dae s’onore
Innoramala naschida

In manu ‘e cussa cosa
Non b’at martire ne eroe
Cun tottu su candore
Ticche juchet in sa losa

S’Ave Maria de su duamiza
A sa janna est iscudende
Ei s’isperantzia andande
Subra a nois prusu no bizat

Cocciarinos inrugados
In su ‘‘tuccaru marrone’’
Umpare a tie che unu coglione
Duos limones acabbados

Non la giamedas Maria
Non la giamedas Johanna
Est una pena prus manna
Est in un’atera bia

In lumen de su sole
Det essere una lastima
Pro su lustru ‘e nostr’anima
Si non bocchimus su male

Nieddu che s’orrore
Su tempus nos raggirat
Ma si accontzada sa mira
Puru nois cherimu’ amore

In sa die de Nadale
A tie faghe unu donu
Tzertu non est indonu
Ma prus de s’oro balet

E como affunda in sa zente
E non cantzelles su passadu
E si s’ammentu est abbunzadu
Chirches luche in su presente

Biancu froccada su nie
Ei gaia fiorit una rosa
Est morzende cussa cosa
Ei custa gherra contr’ a tie

 

(Italiano)

La strada della vita
Ci perdoni gli errori
Lontana dall’onore
Nata in cattiva sorte

Nelle mani di quella cosa
Non c’è martire nè eroe
Con tutto il suo candore
Ti porta nella tomba

L’imbrunire del duemila
Sta bussando alla porta
E la speranza andando via
Non veglia più su di noi

Cucchiaini incrociati
Nello ‘‘zucchero marrone”
Insieme a te come un coglione
Due limoni spremuti

Non la chiamate Maria
Non la chiamate Giovanna
E’ una pena più grande
E’ in un’altra via

Nel nome del sole
Sarebbe un peccato
Per la nobiltà della nostra anima
Se non uccidessimo il male

Nero come l’orrore
Il tempo ci inganna
Ma se aggiustasse la mira
Anche noi vorremmo amore

Il giorno di Natale
Fatti un regalo
Certo non è facile
Ma vale più dell’oro

Ed ora tuffati nella gente
E non cancellare il passato
E se il ricordo è intorbidito
Cerca luce nel presente

Bianca fiocca la neve
E gaia fiorisce una rosa
Sta morendo quella cosa
E questa guerra contro di te

 
Testi

9. Non la giamedas Maria
Tazenda  

 

10. Nanneddu meu
Tazenda  

Il popolo rock

(Sardo)

Sono aggressivi ma è meglio così,
sono cattivi, lasciamoli sfogare.
Quelli passivi che dicon sempre ‘si’,
son più nocivi, non si san manifestare.
Sugli stivali ci son gatti da pelare,
ma chi ha paura ha la coda di paglia.
Sotto i capelli c’è un animoso essere,
leggero, insostenibile ma non una canaglia.

Il popolo, il popolo, il popolo rock,
ama il Boss, ama Vasco, ama Piero.
Il popolo, il popolo, il popolo rock,
ama il sesso, la musica, il mistero.
Il popolo, il popolo vero
odia, è molto tibelle ma sincero.

Su quattromila sopra un prato forse
duecento diverranno avvocati,
quattro soli moriranno di overdose
ed altri quattro diverranno avvocati.
Se sono tanti brillano gli orecchini,
i tatuaggi, il chiodo, le canne.
Se sono tanti e non sono più bambini,
amano il watt e non le ninne nanne.

Il popolo, il popolo, il popolo rock,
ama il Boss, ama Vasco, ama Piero.
Il popolo, il popolo, il popolo rock,
ama il sesso, la musica, il mistero.
Il popolo, il popolo vero
ama, è molto tibelle ma sincero.

Il popolo rock odia i politici,
storia melense, noiose istituzioni.
In mezzo a loro ci sono critici
e fanno recensioni seza raccomandazioni.
Su diecimila c’è anche un assassino
e c’è la madre di un futuro presidente.
Se quella notte loro vanno a letto insieme il destino
trasforma casualmente un perdente in un vincente.

Populus, populus, populus rock,
populus, populus, populus rock.

Siamo come siete,
siete come siamo,
siamo come meritiamo,
siate sempre come vi pare.

El pueblo, el pueblo, el pueblo rock.

Felice il popolo
che non ha bisogno di eroi.

People, people, the young rock people.

Sono stato un presidente onesto
al servizio del popolo italiano.

Su populu, su populu, su populu rock.

Tancas serradas a muru,
fattas a s’afferra-affera,
si su chelu fit in terra,
l’haiant serradu puru.

L’haiant serradu puru,
si su chelu fit in terra,
fattas a s’afferra-affera,
tancas serradas a muru.

Il popolo il popolo, il popolo rock.
Il popolo il popolo, il popolo rock.
Il popolo il popolo, il popolo rock.

 
Testi

11. Il popolo rock
Tazenda  

No potho reposare (tradizionale)

(Sardo)

Non potho riposare amore ‘e coro
Pensende a tie so d’onzi momentu
No istes in tristura prenda ‘e oro
Ne in dispiaghere o pensamentu

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

Si m’esser possibile d’anghelu
S’ispiritu invisibile piccabo

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

Sas formas
E furabo dae chelu su sole e sos isteddos
E formabo unu mundu bellissimu pro tene
Pro poder dispensare cada bene
Unu mundu bellissimu pro tene
Pro poder dispensare cada bene

Non potho reposare amore ‘e coro
Pensende a tie so d’onzi momentu
T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

T’assicuro che a tie solu bramo
Ca t’amo forte t’amo, t’amo e t’amo

 

(Italiano)

Non riesco a riposare amore del cuore
Sto pensando a te ogni momento
Non essere triste gioiello d’oro
Ne addolorata o preoccupata

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Se mi fosse possibile prenderei
Lo spirito invisibile dell’angelo

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Le forme
E ruberei dal cielo il sole e le stelle
E creerei un mondo bellissimo per te
Per poterti regalare ogni bene
Un mondo bellissimo per te
Per poterti regalare ogni bene

Non riesco a riposare amore del cuore
Sto pensando a te ogni momento
Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

Ti assicuro che desidero solo te
Perché ti amo forte, ti amo e ti amo

 
Testi

12. No potho reposare
Tazenda  

P.I. 02287380907
 

 
 
previous next
X